Prefazione. Renata Polverini Segretario Generale Ugl

Tamaño: px
Comenzar la demostración a partir de la página:

Download "Prefazione. Renata Polverini Segretario Generale Ugl"

Transcripción

1 Prefazione Questi anni sono caratterizzati da una grande sfida che è sociale e culturale allo stesso tempo. È la sfida per i diritti. L impegno sindacale degli anni Sessanta e Settanta portò al riconoscimento di una vasta platea di tutele che poi trovarono concretizzazione, fra l altro, nello Statuto dei lavoratori, la legge 300 del Un impegno figlio peraltro di un passato neanche troppo lontano nel quale tantissimi nostri connazionali scelsero una vallata svizzera, un paese nel nord del Belgio, il plumbeo cielo germanico o il sole della vasta pianura argentina come loro dimora; scelsero, spesso con il cuore in gola, di lasciare ogni cosa alla ricerca, non della Terra promessa, ma semplicemente di certezze per il futuro, per loro stessi e per le loro famiglie. Un passato fatto di sacrifici, di enormi lutti, in Canada come a Marcinelle, come pure del riconoscimento di un ruolo di costruttori di civiltà. Non era più il tempo del Rinascimento, il mondo era cambiato; è stato però il tempo in cui i nostri connazionali hanno portato con sé parte di quel genio che caratterizza da sempre la nostra gente, quello spirito di sacrificio eroico che in passato ha permesso al nostro popolo di plasmare la storia e che oggi ci viene riconosciuto in ogni angolo del mondo, davanti alla vetrina dello stilista famoso, ma, anche e soprattutto, davanti al grattacielo newyorchese tirato su dai nostri muratori, pronipoti di quegli stessi uomini che stupirono il mondo con cattedrali e basiliche. La sfida oggi è diversa e, per molti versi, ancora più complessa. L Italia, in ritardo rispetto ad altri Paesi dell area europea, ha conosciuto in questi anni una forte immigrazione. Centinaia di migliaia di donne e di uomini hanno scelto, come fecero i nostri padri all inizio del secolo scorso, fra le due Guerre e subito dopo, di lasciare la propria casa per tentare l avventura. Perché, molto spesso, è di questo che si tratta. Siamo tutti abituati a viaggiare, magari ad arrabbiarci per una fila di troppo al check in di un aeroporto. Ma cosa ben diversa è partire per un viaggio che non si sa cosa potrà riservarci, senza una persona accanto a sostenerci nei momenti di difficoltà e, come una unica compagna, una foto dei nostri cari con l abito buono della festa. Realtà dura, difficile, davanti alla quale nessuno può pensare di chiudere gli occhi. Ed è per questo che, forse prima di altri, comprendemmo l importanza di dar vita ad una struttura che fosse allo stesso tempo agile e professionale; un organismo non burocratico, ma in grado di stare in mezzo alla gente, a quella gente che oggi, da un Paese africano o dal freddo dell Europa dell est, dall Estremo oriente o dal verde del Sud America, ha scelto di fare una scelta simile a quella dei nostri padri. Occhi e parole che incontriamo ogni giorno in metropolitana, in un bar, dietro la cattedra di una Università come alla catena di montaggio di una fabbrica o sul ponteggio di un cantiere. Ed è per queste persone che si rinnova l impegno nostro e del sindacato. Siamo certi che, ancora una volta, pur fra le mille difficoltà che tutti conosciamo bene, questa sfida sarà vinta. L integrazione nel rispetto della tradizione culturale dei popoli è possibile e stimolante, perché, sarebbe bello se, magari fra trenta anni, coloro che hanno raccolto il nostro testimone nel sindacato potranno dire: I nostri nonni negli anni Sessanta e Settanta ci regalarono le tutele; i nostri genitori, con il nuovo secolo, ci hanno regalato una società più giusta, dove il lavoratore ha diritti in quanto tale, senza distinzione di razza, sesso o religione. Renata Polverini Segretario Generale Ugl 1

2 Introduzione Il manuale che vi apprestate a leggere rappresenta l ennesimo tassello nella costruzione di un percorso lungo, difficile, ma anche esaltante. Impegnati ormai da molti anni nell assistenza e nella tutela dei lavoratori migranti, siano essi cittadini stranieri arrivati nel nostro Paese o nostri connazionali che hanno deciso di andare all estero, ci siamo resi conto che la vera chiave di volta è nella società della conoscenza. Senza informazioni precise e puntuali, il cittadino ha difficoltà a far valere ogni suo diritto, dal più semplice al più complesso. Se soltanto pensiamo al nostro rapporto con la burocrazia e alle difficoltà che anche noi cittadini italiani incontriamo nel compilare un qualsiasi modulo di richiesta, è facile intuire a quali ostacoli insormontabili vanno incontro le centinaia di migliaia di donne ed uomini stranieri che risiedono in Italia. Ed è per questi che abbiamo immaginato uno strumento agile, di facile consultazione, un vero e proprio lasciapassare nei rapporti con la burocrazia. Il lavoratore straniero, ad esempio, ha dei dubbi sulla sua pensione? Ecco un capitolo dedicato all argomento. Una collaboratrice domestica crede che non sia pagata adeguatamente per il proprio lavoro? Ecco un secondo capitolo nel quale si spiega con parole semplici, ma sempre precise, quali sono gli obblighi del datore di lavoro. In caso di maternità, anche il padre ha dei diritti? Sì e questo manuale, un vero e proprio vademecum nel senso più pieno del termine, spiega quali sono e chi rivolgersi per farli valere. Che succede se mi ammalo? O se torno nel Paese dove sono nato per restarci o solo per qualche giorno per il meritato riposo? Tante domande, quelle stesse che ogni giorno Sasha piuttosto che Jamal, Maria Dolores invece che Mohamed rivolgono ai sindacalisti dell Ugl Sei, il Sindacato per gli Emigrati e per gli Immigrati. Quello nostro è, quindi, un tentativo, sulla scorta anche di precedenti esperienze particolarmente significative (a tal proposito, vorrei insistere sul lavoro svolto dall Inps, che ha pubblicato molto materiale sull argomento, ma anche dai Patronati, in particolare dall Enas che, con i suoi esperti, è a disposizione in tutta Italia per ulteriori approfondimenti), di tradurre in atti concreti le belle parole che spesso si dicono nell attività convegnistica. Siamo convinti, infatti, che, se il convegno risponde ad una funzione comunque importante perché permette di conoscere la tante sfaccettature di un problema, non si può perdere di vista, soprattutto per chi fa sindacato di frontiera, che dietro a questi stessi problema vi è una persona, donna o uomo non importa, che chiede aiuto. Quel che vorremmo fare è dare un nome a queste persone affinché non siano semplicemente considerate dei numeri. La pubblicazione di questo volume, con due edizioni curate anche in spagnolo ed inglese, cade in occasione della celebrazione della Giornata Internazionale dei Migranti. Spesso, in questa come in altre ricorrenze, si corre il rischio di perdere di vista la realtà dei fatti. Le parole si rincorrono una dietro all altra; i bei discorsi riempiono le pagine di giornali e di pubblicazioni varie, ma poi di tutto questo il giorno dopo resta ben poco. La nostra, quindi, vuole essere una scelta chiara: quella di portare i diritti e le tutele sulla strada, nella vita quotidiana, in ogni giorno di lavoro. È un obiettivo ambizioso, di lungo respiro; quel che è certo è che non ci manca né la voglia né il cuore per superare gli ostacoli che inevitabilmente incontreremo nel nostro cammino. Luciano Lagamba Responsabile Nazionale Ugl Sei 2

3 ITALIANO La tutela per i lavoratori stranieri in Italia 3

4 SOMMARIO Trattamento del rapporto di lavoro pag. 5 Le Tutele previste «6 Pensioni «6 Perdita del lavoro «10 Cosa succede se si è lavorato in Paesi diversi «14 In caso di ritorno a casa «16 Dalla parte della famiglia «16 Salute «20 I lavoratori domestici «23 Nuovo calendario per le dichiarazioni «27 Appendice Immigrazione e lavoro «29 Mercato del lavoro flessibile, «29 permessi obbligatori blindati Frammentarietà delle competenze «30 Come si entra in Italia per motivi di lavoro? «30 Immigrazione, nuova sfida per i Patronati «31 Che lavoro fanno gli immigrati? «34 La sfida dell Italia «34 Bibliografia «34 4

5 TRATTAMENTO DEL RAPPORTO DI LAVORO ITALIANO L ordinamento legislativo italiano garantisce ai lavoratori extracomunitari o comunitari, il rispetto del principio di uguaglianza di trattamento tra lavoratori stranieri ed italiani. Ciò vale, tanto per le condizioni di impiego e di lavoro, come la retribuzione, il licenziamento ed il reintegro, le garanzie per la sicurezza e la salute sul posto di lavoro e le prestazioni a sostegno del reddito, quanto per i vantaggi non direttamente connessi all impiego (ad esempio, i vantaggi sociali e fiscali, la formazione professionale, il sostegno all alloggio, le prestazioni sociali destinate alla famiglia), nonché i diritti sindacali (iscrizione a sindacati, partecipazione ad assemblee) e quelli di rappresentanza del personale nell impresa. Esistono, infine, specifiche eccezioni nel campo della tutela previdenziale ed assistenziale. Le vedremo in seguito, in riferimento alle prestazioni interessate. 5

6 LE TUTELE PREVISTE 1. Pensioni 6 I lavoratori comunitari ed extracomunitari che svolgono in Italia una regolare attività lavorativa, hanno diritto alle medesime prestazioni previdenziali ed assistenziali previste per i lavoratori italiani. Inoltre, in virtù del principio della territorialità dell obbligo assicurativo, il lavoratore straniero deve essere assicurato ai fini assistenziali e previdenziali potendo così ottenere, con il versamento dei contributi previdenziali all INPS, le stesse prestazioni pensionistiche previste per i lavoratori italiani. Vecchiaia Il calcolo della pensione di anzianità e, quindi, il suo conseguimento sono determinati in base alla data di assunzione del lavoratore e al sistema di calcolo utilizzato per determinarla. Ne esistono tre tipi: contributivo, retributivo o misto. Sistema di calcolo contributivo È legato alla totalità dei contributi versati ed è valido per i lavoratori assunti dopo il 31 dicembre Per ottenere la pensione di vecchiaia è necessario che il lavoratore abbia: un età compresa tra i 57 e i 67 anni (sia per gli uomini che per le donne). In tal caso, è possibile andare in pensione prima dei 65 anni solo se la pensione così determinata è superiore del 20% all importo dell assegno sociale; almeno 5 anni di contribuzione legati ad una effettiva attività lavorativa; cessato il rapporto di lavoro. Requisito non richiesto per i lavoratori autonomi che possono chiedere la pensione e continuare la loro attività Sistema di calcolo retributivo Questo sistema, legato alle retribuzioni degli ultimi anni di attività lavorativa (10 anni per i lavoratori dipendenti e 15 per quelli autonomi), viene utilizzato per chi, al 31 dicembre 1995, aveva almeno 18 anni di contribuzione. Per ottenere la pensione di vecchiaia è necessario che il lavoratore abbia: 65 anni di età per gli uomini e 60 per le donne almeno 20 anni di contribuzione comunque accreditata (da attività lavorativa, riscatto, figurativa, ecc); cessato il rapporto di lavoro. Sistema di calcolo misto Questo sistema si applica per coloro che al 31 dicembre 1995 avevano un anzianità contributiva inferiore ai 18 anni. L importo della pensione si calcola con il sistema retributivo per i periodi fino al 31 dicembre 1995, e con quello contributivo a partire dal 1 gennaio 2006.

7 Domanda e pagamento L apposito modulo (VO1), disponibile presso qualsiasi ufficio INPS o presso gli Enti di Patronato, va presentato ad una sede INPS o ad un Patronato, debitamente compilato in ogni sua parte e corredato dei documenti richiesti nella stessa istanza. La pensione decorre dal primo giorno del mese successivo a quello di compimento dell'età pensionabile o di perfezionamento dei requisiti previsti e si riscuote in banca o alla posta di qualsiasi provincia, anche diversa da quella di residenza. ITALIANO Anzianità La pensione di anzianità si può ottenere prima di aver compiuto l età prevista per la pensione di vecchiaia. I requisiti per ottenere tale trattamento previdenziale variano in base al tipo di lavoro esercitato. I lavoratori dipendenti che hanno cessato il rapporto di lavoro, ne possono far richiesta al conseguimento di 57 anni di età e 35 anni di contribuzione (esclusi quelli versati per malattia e disoccupazione), oppure di qualunque età e 37 anni di contributi, che diventeranno 40 anni dal 2008 (sono inclusi anche i contributi versati per malattia e disoccupazione). I lavoratori autonomi, invece, devono avere 58 anni di età e 35 di contribuzione, oppure qualunque età e 40 anni di contributi. In tal caso, non è necessario far cessare l attività lavorativa. Domanda e pagamento Anche la domanda di pensione di anzianità va compilata sul modulo V01, reperibile presso le sedi INPS e presso gli Entri di Patronato e deve essere presentata, debitamente compilata, direttamente alla sede INPS o tramite i Patronati. Pensione agli invalidi civili Si tratta di una prestazione di natura assistenziale riservata agli invalidi civili totali e parziali, ai non vedenti e ai sordomuti a basso o con nessun reddito, che risiedono in Italia (requisito, quest ultimo, richiesto a partire dal 1 gennaio 2005). Gli extracomunitari che intendono presentare domanda per l ottenimento della pensione di invalidità, devono inoltre possedere il permesso di soggiorno. Domanda e pagamento Il modulo da compilare per presentare la domanda è quello rilasciato dalla Azienda Sanitaria Locale (ASL) che deve essere corredato dal certificato del medico curante e presentato alla ASL competente per residenza, oppure ai Patronati che, per legge, offrono assistenza gratuita. Una volta riconosciuta la prestazione da parte degli uffici competenti, l interessato deve compilare la dichiarazione di responsabilità, scegliendo la modalità di pagamento a questo più congeniale. La prestazione decorre dal 1 giorno del mese successivo a quello di presentazione della domanda o da diversa decorrenza indicata nel verbale medico. Il collocamento obbligatorio ed il pagamento avviene in modo analogo a quello adottato per le pensioni. Il collocamento obbligatorio Il datore di lavoro, pubblico o privato, che abbia alle proprie dipendenze almeno 15 lavoratori, è obbligato ad assumere lavoratori disabili per una certa percentuale rispetto alla manodopera in forza in base alla Legge n. 68/99. Per avere diritto ad un collocamento obbligatorio occorre: il riconoscimento del grado di invalidità da parte dell'ente preposto; l iscrizione negli elenchi del collocamento obbligatorio, presso i Centri per l impiego. L iscrizione negli elenchi del collocamento obbligatorio è ammessa per gli invalidi civili, vale a dire 7

8 le persone affette da minorazioni fisiche, psichiche o sensoriali e portatori di handicap intellettivo, che comportano una riduzione della capacità lavorativa superiore al 45 %, e per gli invalidi per servizio o del lavoro, ovvero i lavoratori dipendenti pubblici o di aziende private che, per motivi di lavoro, hanno acquisito una malattia professionale o un infortunio tale da procurare un grado di invalidità superiore al 33 %. Lo stesso diritto, inoltre, viene assicurato alle persone non vedenti o sordomute e agli invalidi di guerra. Al pari dei lavoratori italiani, anche quelli extracomunitari appartenenti ad una delle suddette categorie e con permesso di soggiorno, hanno diritto ad iscriversi nelle liste di collocamento obbligatorio. Invalidità Ai lavoratori dipendenti o autonomi, italiani o extracomunitari (con eccezione di quelli in possesso di permesso di soggiorno per motivi stagionali), affetti da un'infermità fisica o mentale, spetta l assegno ordinario di invalidità. Più precisamente, hanno diritto a questo particolare trattamento pensionistico, chi presenta un'infermità fisica o mentale accertata dal medico legale dell'inps (tale da ridurre in modo permanente la capacità di lavoro a meno di un terzo, in occupazioni confacenti le attitudini del lavoratore) e che ha un'anzianità contributiva di almeno cinque anni, di cui minimo tre versati nei cinque anni precedenti la domanda di assegno ordinario di invalidità. Una volta ottenuto il riconoscimento all assegno da parte dell INPS, l assegno sarà erogato per i successivi tre anni al termine dei quali l interessato potrà chiederne il rinnovo sottoponendosi ad una nuova visita medico-legale. Se l invalidità viene confermata per due volte consecutive, il diritto all assegno diventa definitivo. Questa particolare forma pensionistica viene concessa anche se si continua a lavorare. In questo caso, ogni anno si viene sottoposti alla visita medico-legale. Al compimento dell'età pensionabile, l'assegno si trasforma automaticamente in pensione di vecchiaia. Domanda e pagamento Per ottenere l assegno di invalidità, è necessario compilare apposita domanda, alla quale vanno allegati i documenti richiesti e può essere presentata direttamente alla sede INPS o tramite i Patronati. L assegno di invalidità può essere riscosso presso un ufficio postale o una banca di qualsiasi provincia, anche diversa da quella di residenza. La pensione decorre dal primo giorno del mese successivo a quello di presentazione della domanda o di perfezionamento dei requisiti previsti (compreso quello sanitario). Inabilità La pensione di inabilità spetta ai lavoratori dipendenti o autonomi, italiani o extracomunitari (con eccezione di quelli in possesso di permesso di soggiorno per motivi stagionali), affetti da un'infermità fisica o mentale accertata dal medico dell'inps, tale da provocare una assoluta e permanente impossibilità a svolgere qualsiasi attività lavorativa, che hanno un'anzianità contributiva di almeno cinque anni, di cui minimo tre versati nei cinque anni precedenti la domanda di pensione. Anche la pensione di invalidità non è definitiva: può essere soggetta a revisione e non viene trasformata in pensione di vecchiaia. Per ottenere la pensione di inabilità l'interessato non deve svolgere alcuna attività lavorativa. Calcolo e bonus contributivo La pensione di inabilità viene calcolata sommando un bonus contributivo all'anzianità contributiva maturata. Tale bonus copre il periodo che manca al raggiungimento dell'età pensionabile (per gli inabili è di 55 anni se donne e 60 se uomini) ma in ogni caso non può far superare i 40 anni di anzianità contributiva. Domanda e pagamento 8

9 La domanda va presentata debitamente compilata e corredata dei documenti richiesti, direttamente alla sede INPS o tramite i Patronati. Una volta ottenuto il riconoscimento alla pensione da parte degli uffici competenti, la stessa decorre dal primo giorno del mese successivo a quello di presentazione della domanda o di perfezionamento dei requisiti previsti (compreso quello sanitario) e può essere riscossa presso un ufficio postale o una banca di qualsiasi provincia, anche diversa da quella di residenza. ITALIANO Pensione ai superstiti Alla morte del lavoratore assicurato o pensionato, ai componenti il nucleo familiare spetta di diritto la pensione di reversibilità o quella indiretta. La differenza tra le due forme pensionistiche sta nel fatto che, mentre per ottenere la pensione di reversibilità il defunto al momento del decesso era già pensionato, quella indiretta, invece, spetta se la persona, al momento del decesso, svolgeva attività lavorativa. In tal caso il deceduto doveva aver accumulato, in qualsiasi epoca, almeno 15 anni di contributi oppure doveva essere assicurato da almeno 5 anni, di cui almeno 3 versati nel quinquennio precedente la data di morte. Beneficiari Questa forma di tutela spetta al coniuge, anche se separato o divorziato, a condizione che abbia beneficiato di un assegno di mantenimento e non si sia risposato; ai figli (legittimi, legittimati, adottivi, naturali, riconosciuti legalmente o giudizialmente dichiarati, nati da precedente matrimonio dell'altro coniuge) che alla data della morte del genitore siano minori, studenti o inabili e a suo carico; ai nipoti minori non economicamente autosufficienti, che siano stati a carico del parente defunto (nonno o nonna). In mancanza del coniuge, dei figli e dei nipoti, ne hanno diritto i genitori con più di 65 anni, che non hanno una pensione e siano stati a carico del defunto, oppure, in mancanza anche dei genitori del defunto, i fratelli celibi e le sorelle nubili che al momento del decesso siano inabili al lavoro, a carico del deceduto e senza pensione. Quanto spetta In ogni caso la somma delle quote non può superare il 100% della pensione che sarebbe spettata al lavoratore. Dal 1 gennaio 1996, l'importo della pensione ai superstiti è legato alla situazione economica del titolare e può, in base a questo, essere ridotto del 25%, del 40% e del 50%. Tale disposizione non si applica se sono contitolari figli minori, studenti o inabili. Domanda e pagamento Anche in questo caso, la domanda e i documenti da allegare, possono essere presentati direttamente alla sede INPS o tramite i Patronati. Il pagamento Una volta riconosciuta, la pensione decorre dal primo giorno del mese successivo a quello della data della morte e può essere riscossa presso un ufficio postale o una banca di qualsiasi provincia, anche diversa da quella di residenza. Assegno sociale Si tratta di una prestazione assistenziale riservata ai cittadini italiani residenti in Italia (sono esclusi, quindi, i soggetti residenti in uno Stato europeo diverso dall Italia e, se già riconosciuta, non può comunque essere corrisposta all estero) che hanno 65 anni di età e nessun reddito o un reddito inferiore ai limiti stabiliti ogni anno dalla legge. Se il richiedente è coniugato, il reddito del coniuge si somma a quello del richiedente e i redditi complessivi non devono superare il limite stabilito dalla legge. 9

10 Se il reddito personale, o il reddito complessivo dei due coniugi, è inferiore ai limite stabilito, l INPS paga la quota differenziale fra il reddito posseduto e l importo dell assegno sociale. Sono equiparati ai cittadini italiani e, quindi, possono fare domanda di assegno sociale, qualora sussistano tutti i requisiti richiesti, anche gli abitanti della Repubblica di San Marino, i rifugiati politici, i cittadini di uno Stato dell'unione europea; i cittadini extracomunitari che hanno ottenuto la carta di soggiorno. L'assegno non è reversibile e, quindi, non può essere trasmesso ai familiari superstiti. Domanda e pagamento La domanda di assegno sociale, a cui vanno allegati i documenti richiesti, può essere presentata direttamente alla sede INPS o tramite i Patronati. Può essere riscosso presso un ufficio postale o una banca di qualsiasi provincia, anche diversa da quella di residenza e decorre dal primo giorno del mese successivo a quello del compimento del 65 anno di età o a quello di presentazione della domanda, se successivo al compimento dell'età. 2. Perdita del lavoro 10 Disoccupazione Una quota dei contributi versati serve per assicurarsi contro la disoccupazione, causata dall estinzione di un rapporto di lavoro per cause non attribuibili alla volontà del lavoratore stesso. L indennità spetta a tutti i lavoratori subordinati senza distinzione di qualifica,compresi i lavoratori a domicilio e gli stranieri extracomunitari. Non è necessario che lo stato di disoccupazione sia assoluto: l indennità, infatti, è riconosciuta quando si perde l attività principale da cui si ricava il reddito maggiore. Il lavoratore ha diritto all indennità di disoccupazione, di cui è titolare, anche nel caso in cui espatri per brevi periodi, di seguito elencati: il 15 giorni per matrimonio; il l intero periodo di malattia propria o di un familiare; il 3 giorni, più i giorni necessari per il viaggio, per il lutto di un familiare. Naturalmente, i motivi di espatrio devono essere provati da idonea documentazione (certificato di matrimonio, certificati medici, certificato di morte ecc.) rilasciata da Enti o Organismi del paese straniero. Il diritto ad usufruire delle indennità di disoccupazione, viene meno quando sono state erogate tutte le giornate previste, oppure quando il lavoratore viene avviato dalle agenzie di lavoro ad una nuova attività o viene cancellato, per qualunque motivo, dalle liste dei disoccupati, o ancora, diventa titolare di un trattamento pensionistico diretto (pensione di vecchiaia, di anzianità, pensione anticipata, pensione di inabilità o assegno di invalidità). Indennità ordinaria Spetta ai lavoratori licenziati (non a quelli che si dimettono volontariamente, a meno che non si tratti di dimissioni per giusta causa) e, a partire dal 17 marzo 2005, anche ai lavoratori sospesi dalle aziende colpite da eventi temporanei non causati né dai lavoratori, né dal datore di lavoro. Il lavoratore per avere diritto all indennità deve possedere almeno 2 anni di assicurazione per la disoccupazione involontaria; almeno 52 contributi settimanali nei due anni che precedono la data di cessazione del rapporto di lavoro; iscrizione nelle liste dei disoccupati presso il Centro per l impiego. Va ricordato, comunque, che restano esclusi dalle suddette prestazioni, i lavoratori stranieri titolari di permesso di soggiorno per lavoro stagionale.

11 Comunicazione al Centro per l impiego In caso di licenziamento individuale o di dimissioni di un lavoratore straniero, l impresa è tenuta a comunicarlo allo Sportello unico e al Centro per l impiego entro 5 giorni. Lo straniero, se interessato, deve presentarsi entro 40 giorni dalla cessazione del rapporto di lavoro al Centro per l impiego, per il riconoscimento dello stato di disoccupazione e per dichiarare la disponibilità allo svolgimento di attività lavorativa. Il lavoratore è inserito nell elenco anagrafico per il periodo residuo di validità del permesso di soggiorno e, comunque, per un periodo non inferiore a 6 mesi (DPR. N. 334/2004). ITALIANO Per quanto tempo Di norma, l indennità ha una durata massima di 6 mesi (9 mesi per i disoccupati di età pari o superiore a 50 anni). A partire dal 1 aprile 2005 e fino al 31 dicembre 2006 però, la durata dell indennità è stata elevata a 7 mesi per i lavoratori con meno di 50 anni e a 10 mesi per i lavoratori dai 50 anni in poi. Per poter beneficiare di questa estensione, alla data del 1 aprile 2005, i lavoratori devono essere ancora beneficiari di tale indennità per almeno una giornata. Per i lavoratori sospesi l indennità spetta nel limite massimo di 65 giorni. Per il mese di prolungamento (il settimo e il decimo) il lavoratore ha diritto all assegno per il nucleo familiare, mentre non gli spetta la contribuzione figurativa (garantita solo per 6 mesi ai lavoratori con meno di 50 anni e 9 mesi ai lavoratori con età pari o superiore a 50 anni. Quanto spetta L'indennità è pari al 40% della retribuzione percepita nei tre mesi precedenti la cessazione del rapporto di lavoro, nei limiti di un importo massimo mensile lordo stabilito dalla legge. Per la disoccupazione in pagamento dal 1 aprile 2005 al 31 dicembre 2006, la misura dell indennità passa al 50% per i primi 6 mesi e si mantiene al 40% per il settimo mese, per i lavoratori con meno di 50 anni, mentre per i cinquantenni ed ultracinquantenni, viene elevata al 50% per i primi 6 mesi, tornando al 40% per i successivi tre mesi e riducendosi al 30% per il decimo mese. Per i lavoratori sospesi, infine, l importo è pari al 50% della retribuzione. L età da considerare per l elevazione della durata della prestazione è quella posseduta dal lavoratore al momento della cessazione del rapporto di lavoro. Domanda e pagamento Chi intende richiedere l indennità di disoccupazione, deve compilare il modello DS21, da presentare entro 68 giorni dalla cessazione del rapporto di lavoro, direttamente alla sede INPS o al Centro per l'impiego competente per residenza o tramite i Patronati che, per legge, offrono assistenza gratuita. Oltre al modello, è necessario presentare la dichiarazione del datore di lavoro (mod. DS 22) o, in sostituzione un autocertificazione del lavoratore (mod. DSO); il certificato di iscrizione nelle liste dei disoccupati; la richiesta di detrazioni Irpef. L indennità di disoccupazione viene pagata ogni mese dall INPS e può essere riscossa con assegno circolare, bonifico bancario o postale, oppure direttamente alla posta, presso qualsiasi ufficio postale. Tipi di indennità Particolari tipi di indennità di disoccupazione sono: indennità ordinaria di disoccupazione con requisiti ridotti; indennità di disoccupazione speciale per l edilizia; indennità di disoccupazione ordinaria per l agricoltura; indennità di disoccupazione speciale per l agricoltura. Questi trattamenti speciali che comportano percentuali di indennità superiori a quelle delle altre forme di disoccupazione, si rivolgono a lavoratori di settori produttivi spesso soggetti a interruzioni del rapporto di lavoro. 11

12 Indennità con requisiti ridotti Spetta ai lavoratori che non possono far valere 52 contributi settimanali negli ultimi due anni ma che nell'anno precedente hanno svolto attività di lavoro subordinato per almeno 78 giorni, comprese le festività e le giornate di assenza indennizzate (malattia, maternità, ecc.) e che risultano assicurati da almeno 2 anni. Spetta, di regola, per un numero di giornate pari a quelle lavorate nell anno precedente. L importo è pari al 30% della retribuzione media percepita nell anno in riferimento. Per usufruire del beneficio, l ex lavoratore deve presentare domanda all INPS (o al Centro per l'impiego competente per residenza o tramite i Patronati) dal 1 gennaio al 31 marzo dell anno successivo a quello in cui si è verificata la disoccupazione. Indennità di disoccupazione speciale per l edilizia Questo particolare tipo di indennità spetta ai lavoratori edili che sono stati licenziati a causa di una riduzione del personale, della cessazione dell attività aziendale, o ancora per ultimazione del cantiere o delle singole fasi di lavorazione. Il beneficio spetta se, per i due anni precedenti alla data di licenziamento, il lavoratore può vantare almeno 10 contributi mensili o 43 contributi settimanali e l iscrizione nelle liste dei disoccupati. L importo di questa speciale indennità è pari all 80% della retribuzione e viene pagato ogni mese dall INPS. La durata dell indennità varia a seconda di particolari requisiti. Il lavoratore ha due anni di tempo dalla data di licenziamento, per presentare la domanda all'inps. Indennità di disoccupazione ordinaria per l agricoltura L indennità ordinaria per l agricoltura spetta agli operai iscritti negli elenchi dei lavoratori agricoli a tempo determinato e agli operai agricoli a tempo indeterminato che hanno lavorato per parte dell anno. Per ottenere il riconoscimento all indennità è necessario che l interessato presenti apposita richiesta alla sede INPS competente dal 1 gennaio al 31 marzo dell'anno successivo a quello della disoccupazione e che sia iscritto negli elenchi nominativi dei lavoratori agricoli dipendenti per l anno cui si riferisce la domanda. Inoltre, deve avere almeno 2 anni di assicurazione per la disoccupazione involontaria e 102 giorni di contribuzione nel biennio formato dall anno per il quale si fa domanda e da quello precedente. L importo è pari al 30% della retribuzione convenzionale o, se superiore, del salario medio giornaliero, per un numero di giorni pari a quello di effettivo lavoro nell anno. Indennità di disoccupazione speciale per l agricoltura Tale beneficio spetta ai lavoratori agricoli iscritti negli appositi elenchi che hanno i requisiti richiesti per l indennità ordinaria e che hanno lavorato almeno 151 giornate come dipendenti agricoli e non. È necessaria inoltre l iscrizione negli elenchi nominativi dei lavoratori agricoli per un numero di giornate comprese tra 101 e 150. L indennità di disoccupazione speciale per l agricoltura viene corrisposta per un massimo di 90 giorni nella misura del 40% della retribuzione convenzionale o, se superiore, del salario medio giornaliero se si è svolta nell anno un attività lavorativa compresa tra 101 e 150 giorni come dipendente agricolo; Se, invece, si è svolta nell anno un attività lavorativa di almeno 151 giorni come dipendente agricolo e non, l importo dell indennità è pari al 66% della retribuzione o del salario. La domanda va presentata alla sede INPS competente dal 1 gennaio al 31 marzo dell'anno successivo a quello della disoccupazione. Cassa Integrazione Guadagni (CIG) Con la Cassa Integrazione Guadagni, al lavoratore viene garantito un reddito sostitutivo della retri- 12

13 buzione. Anche il cittadino extracomunitario residente in Italia ha diritto alle integrazioni salariali, sia ordinarie che straordinarie, ma a condizione che sia titolare di un effettivo rapporto di lavoro subordinato. Cassa integrazione guadagni ordinaria Spetta in caso di sospensione o riduzione dell'attività produttiva dovuta ad eventi temporanei non imputabili all'imprenditore o ai lavoratori o determinati da situazioni temporanee di mercato, agli operai, impiegati e quadri delle aziende industriali in genere e delle imprese industriali ed artigiane del settore edile e lapideo, esclusi gli apprendisti. Corrisponde all 80% della retribuzione globale che sarebbe spettata per le ore di lavoro non prestate ma non può superare i limiti massimi mensili stabiliti di anno in anno. I periodi di Cassa integrazione sono riconosciuti utili per il conseguimento del diritto alla pensione. Il trattamento ordinario può andare da un minimo di 13 settimane ad un massimo di 12 mesi o 24 in determinate aree territoriali. Il diritto alla Cassa integrazione decade nel caso in cui il lavoratore svolge contemporaneamente un attività retribuita senza aver dato previa comunicazione alla propria sede INPS. In caso di comunicazione preventiva, invece, la prestazione viene sospesa per il periodo di lavoro. ITALIANO Cassa integrazione guadagni straordinaria È riconosciuta alle aziende in ristrutturazione, riorganizzazione, conversione o crisi aziendale e a quelle sottoposte a procedure concorsuali, e spetta ad operai ed impiegati delle aziende industriali (comprese quelle dei settori edili e lapidei), con più di 15 dipendenti nei sei mesi precedenti la presentazione della domanda. Lo steso diritto spetta inoltre ai lavoratori delle imprese commerciali con più di 200 dipendenti e delle imprese artigiane con più di 15 dipendenti. Al fine di reimpiegare ed eventualemte reintegrare i lavoratori, le aziende che richiedono la Cassa integrazione straordinaria devono predisporre un programma che consenta la piena ripresa dell attività lavorativa e seguire, nella scelta dei lavoratori da porre in cassa integrazione, il criterio della rotazione tra coloro che svolgono le stesse mansioni. Al lavoratore viene riconosciuto l 80% della retribuzione globale che sarebbe spettata per le ore di lavoro non prestate, ma sempre entro i limiti mensili stabiliti di anno in anno. Anche in questo caso, i periodi di Cassa integrazione, che variano da un minimo di 12 mesi per le crisi aziendali, a 18 per i casi di fallimento, amministrazione controllata, ecc., fino ad un massimo di 24 mesi per le ristrutturazioni, salvo le proroghe previste da varie disposizioni di legge. Il diritto alla CIG decade se il lavoratore contemporaneamente un attività retribuita, senza averlo prima comunicato alla propria sede INPS. In caso di comunicazione preventiva, la prestazione viene sospesa per il periodo di lavoro. Indennità di mobilità Si tratta di una prestazione riservata ai lavoratori licenziati per riduzione di personale o trasformazione di attività o di lavoro da parte dell azienda, per cessata attività aziendale o per esaurimento della Cassa Integrazione Guadagni Straordinaria (CIGS). Hanno diritto a questa forma di tutela, i lavoratori iscritti nelle liste di mobilità che sono stati assunti con contratto a tempo indeterminato come operai, impiegati o quadri. I lavoratori, inoltre, devono avere un anzianità aziendale di almeno 12 mesi, di cui 6 di effettivo lavoro (sono compresi i periodi di ferie, festività, infortuni, gravidanza e puerperio). L indennità spetta anche al lavoratore straniero iscritto nelle liste di mobilità nei limiti del periodo residuo di validità del permesso di soggiorno e, comunque, per un periodo non inferiore a 6 mesi. Per i primi 12 mesi, l indennità corrisponde al 100% del trattamento di Cassa Integrazione Straordinaria (CIGS) percepito o che sarebbe spettato se il richiedente avesse lavorato, mentre per i periodi 13

14 successivi, corrisponde all 80% del trattamento CIGS. Ad ogni modo, l indennità di mobilità non può superare un importo massimo mensile determinato di anno in anno. La durata dell indennità varia in relazione all età del lavoratore al momento del licenziamento e all ubicazione dell azienda. Non può essere corrisposta per un periodo superiore all anzianità aziendale del lavoratore ma, in presenza di determinati requisiti di età e contribuzione, viene comunque pagata fino al conseguimento del diritto alla pensione. La domanda di indennità, a cui deve essere allegato il modulo DS 22 compilato dall ultimo datore di lavoro, va indirizzata all INPS e presentata alla Sezione circoscrizionale per l impiego entro 68 giorni dal licenziamento e decorre dall 8 giorno dal licenziamento se la domanda è stata presentata entro i primi 7 giorni, oppure dal 5 giorno successivo alla presentazione della domanda, negli altri casi. L indennità è pagata ogni mese dall INPS direttamente al lavoratore ed è sospesa quando l interessato è assunto con contratto a tempo determinato o a tempo parziale. Il beneficio decade quando il lavoratore viene assunto con contratto a tempo pieno e indeterminato o con contratto di lavoro parasubordinato (co.co.pro. e mini co.co.co.), oppure diventa titolare di un trattamento pensionistico diretto (pensione di vecchiaia, di anzianità, pensione anticipata, pensione di inabilità o assegno di invalidità). Chi viene assunto con contratto di lavoro part-time o a tempo determinato conserva comunque l iscrizione nella lista, mentre l indennità di mobilità rimane sospesa e le giornate di lavoro non vengono calcolate ai fini della determinazione del periodo di durata dell indennità spettante. Il lavoratore in mobilità che intende intraprendere un attività autonoma viene cancellato dalle liste e, a richiesta, può percepire anticipatamente l intero ammontare di indennità di mobilità spettante. 3. Cosa succede se si è lavorato in Paesi diversi 14 Può succedere che il cittadino straniero abbia lavorato in Paesi diversi. In questo caso, si applicano le Convenzioni Internazionali in materia di sicurezza sociale, in maniera tale da assicurare una puntuale forma di tutela del soggetto interessato. In base a queste norme, ai lavoratori migranti è garantita la stessa tutela prevista dalle singole legislazioni nazionali per i soggetti che hanno sempre lavorato nello stesso Stato. Gli obiettivi che si intendono realizzare sono sostanzialmente tre. Il primo di questi si riferisce alla parità di trattamento, che si traduce in concreto nel riservare a tutti i cittadini, senza esclusione di sorta, gli stessi diritti, ai quali corrispondono altrettanti obblighi di comportamento. In secondo luogo, si ha normalmente l applicazione della legge vigente nel luogo in cui viene svolta l'attività lavorativa, con qualche eccezioni in materia di contribuzione. Da ultimo, si vuole ottenere la cosiddetta totalizzazione, che, tradotta in termini più semplici, significa assicurare il cumulo dei periodi assicurativi nei diversi stati, al fine di conseguire il diritto alle prestazioni pensionistiche. Le convenzioni internazionali si riferiscono normalmente alle: Prestazioni in caso di disoccupazione Prestazioni per la maternità Prestazioni di vecchiaia Prestazioni di invalidità Prestazioni in caso di infortuni sul lavoro Prestazioni in caso di malattia Prestazioni in caso di morte Prestazioni ai superstiti Prestazioni per i familiari Normativa in vigore nell Unione europea Le norme sulla sicurezza sociale di valore comunitario trovano immediata applicazione nei seguenti

15 Paesi: Austria, Belgio, Danimarca, Finlandia, Francia (comprese Guadalupe, Guyana, Martinica e Reunion), Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Portogallo, Regno Unito, Spagna, Svezia; le stesse si applicano anche ai nuovi partner entrati a far parte dell Unione europea il 1 maggio del 2004: Estonia, Lettonia, Lituania, Polonia, Repubblica Ceca, Slovacchia, Slovenia, Malta, Cipro, Ungheria. Le norme inoltre trovano applicazione anche nei tre Paesi (Islanda, Norvegia e Liechtenstein) che hanno aderito all Accordo sullo spazio economico europeo. La stessa normativa trova applicazione anche in Svizzera. ITALIANO Obiettivi pensione: quali sono i vari passaggi da sapere La pensione serve a garantire ai lavoratori una tutela contro le incertezze della vecchiaia o in caso di invalidità; serve anche al coniuge, in caso, purtroppo, di morte del marito o della moglie, per far fronte alle mutate esigenze di vita. In tutti i Paesi dell Unione europea è, quindi, prevista una forma di assicurazione obbligatoria, anche se, poi, ogni Paese ha delle regole specifiche per pagare la pensione. Nello specifico ai lavoratori migranti si applicano due principi: Somma di tutti i periodi di lavoro svolti anche in Paesi diversi (totalizzazione); Determinazione dell importo della pensione in base alla somma dei contributi versati. La domanda per la pensione La prima cosa da sapere è che la domanda deve essere sempre presentata nel Paese ove si risiede anche nell ipotesi in cui in quel dato Paese non si è mai lavorato. Una volta presentata la domanda, sarà cura dell ente erogatore farsi carico di segnalare agli enti degli altri Paesi interessati che il lavoratore migrante ha presentato domanda per ottenere la pensione. In base al principio di esportabilità si può ottenere il pagamento della pensione nel Paese di residenza, anche nell ipotesi in cui essa è a carico di un altro Stato. Il principio vale sempre se si nell Unione europea; può valere anche laddove sono state firmate delle convenzioni bilaterali in materia di sicurezza sociale. A tal proposito è opportuno ricordare che l Italia ha firmato convenzioni con Argentina, Australia, Bosnia-Erzegovina, Brasile, Canada-Quebec, Croazia, Jersey e Isole del Canale, Macedonia, Principato di Monaco, Repubblica di Capoverde, Repubblica di San Marino, Slovenia, Stati Uniti d America, Tunisia, Turchia, Uruguay, Venezuela. Da ratificare le convenzioni con il Cile, le Filippine, il Marocco, mentre accordi parziali sono stati firmati con Messico ed Israele. Con queste Convenzioni bilaterali, gli stati interessati si impegnano reciprocamente al rispetto di alcuni principi basilari; fra questi rientra l applicazione di un regime di sicurezza sociale a tutela del cittadino migrante. Normalmente, per rientrare nella tutela riconosciuta dalle convenzioni bilaterali occorre avere la cittadinanza di uno dei due Stati contraenti. In Italia, l istituto che si occupa delle pensioni è l Inps; presso di esso sono assicurati tutti i lavoratori dipendenti privati e i lavoratori autonomi. Le convenzioni bilaterali, come anche le convenzioni internazionali, svolgono un ruolo decisivo, in quanto permettono al lavoratore migrante di ottenere la pensione, pur in presenza di situazione particolari, quali, ad esempio, l aver lavorato in più Paesi, senza, però, aver raggiunto in nessuno di questi i requisiti per ottenere la pensione. Con la totalizzazione dei periodi assicurativi si sommano i vari periodi nei quali si è lavorato in Paesi diversi; ogni singolo stato pagherà poi la pensione sulla base delle proprie leggi nazionali. Per ottenere la pensione La pensione si ottiene per vecchiaia, invalidità o morte. Si può ottenere anche per anzianità contributiva. La domanda per ottenere la pensione può essere presentata presso l istituto previdenziale del Paese nel quale si risiede o in quello ove si lavora o si è lavorato. Toccherà poi all istituto nazionale comunicare all eventuale secondo Paese interessato la presentazione della domanda. Per chiarire il concetto: immaginiamo un cittadino di origine africana che abbia lavorato sia in Francia che in Italia; egli, a prescindere di dove attualmente risiede, può presentare domanda in Italia (presso l Inps) o 15

16 in Francia. Saranno i due istituti, in seguito, a scambiarsi le necessarie informazioni. Il modulo per la presentazione della domanda di pensione è scritto normalmente in almeno due lingue. 4. In caso di ritorno a casa Il lavoratore migrante può naturalmente decidere di tornare nel proprio Paese d origine, terminato il lavoro. In questo caso, il lavoratore migrante conserva i diritti previdenziali e di sicurezza sociale maturati in Italia, purché sia titolare di un contratto di lavoro diverso da quello stagionale. I diritti previdenziali restano nella disponibilità del lavoratore migrante anche nell ipotesi in cui non sussistono accordi di reciprocità con il Paese di origine. La pensione sarà naturalmente percepita nel momento in cui il lavoratore avrà maturato il requisito dell età pensionistica. In caso di decesso dopo i 65 anni, al coniuge superstite che presenta determinate caratteristiche di reddito, spetta comunque la pensione. 5. Dalla parte della famiglia 16 Assegno per il nucleo familiare La legislazione sociale vigente in Italia riconosce, al fine di sostenere le famiglie, soprattutto quello numerose e con redditi bassi, un assegno che si aggiunge alla normale retribuzione che si ha in busta paga. Detto assegno è detto assegno familiare. Esso spetta: A tutti lavoratori dipendenti in attività (anche con contratto part-time); Ai tutti i lavoratori dipendenti assistiti (disoccupazione, cassa integrazione, mobilità, malattia, maternità ed altro); agli iscritti alla gestione separata (collaboratori coordinati e continuativi o a progetto, venditori porta a porta e liberi professionisti, ai soci di cooperative); ai pensionati ex lavoratori dipendenti. L assegno per il nucleo familiare, aggiunto alla retribuzione, è naturalmente erogato anche ai lavoratori extracomunitari, purché titolari di un contratto di lavoro diverso da quello di lavoro stagionale, esattamente con le stesse regole che valgono per i lavoratori italiani. Per certificare la residenza dei familiari, se ancora non è stata completata la procedura per ottenerla, è possibile presentare documenti o certificati da cui risulti la presenza stabile in Italia, come buste paga, certificati di frequenza di asili o scuole, ecc. Sono invece escluse alcune categorie di persone, alle quali spetta una diversa forma di sostegno. I requisiti Per poter usufruire del pagamento dell assegno è necessario che: il reddito familiare, costituito da quello del richiedente e di tutte le persone che compongono il nucleo familiare, non superi determinati limiti, stabiliti da apposito decreto Ministeriale; il reddito derivi, per almeno il 70%, da lavoro dipendente o da prestazioni derivanti da lavoro dipendente (pensione, indennità di disoccupazione, indennità di maternità, indennità di malattia). La domanda La domanda, a cui vanno allegati i documenti richiesti, deve essere presentata, utilizzando l apposito modulo predisposto dall INPS: al proprio datore di lavoro, nel caso dei lavoratori dipendenti non agricoli; direttamente alla sede INPS competente per residenza in tutti gli altri casi.

17 Il pagamento Il pagamento è effettuato dall'inps a conguaglio, tramite il datore di lavoro, oppure direttamente all'interessato con assegno circolare, con bonifico bancario o postale oppure allo sportello di un qualsiasi ufficio postale del territorio nazionale. Cose da sapere Nel caso di lavoratori migranti provenienti da Paesi al di fuori dell Unione europea vi è una particolare disposizione relativa ai periodi precedenti la regolarizzazione. L assegno familiare per le colf e le badanti è riconosciuto anche per i periodi precedenti il 9 settembre del 2002, data nella quale è entrata in vigore la legge 189/02; per tutte le altre categorie di lavoratori, l assegno familiare è riconosciuto solo per i periodi successivi alla stessa data. Nel caso di lavoratori stranieri rifugiati politici, essi sono equiparati ai cittadini italiani in materia di assistenza pubblica, assicurazione sociale e normativa sul lavoro. Ciò comporta che anche ad essi sia riconosciuto il diritto all assegno per i familiari residenti all estero, anche in mancanza di una Convenzione internazionale con il Paese di provenienza. Il lavoratore neocomunitario che lavora in Italia ha diritto all assegno per il nucleo familiare anche per i familiari residenti nel paese d origine. Il lavoratore proveniente da un Paese extraunione europea ha, invece, diritto all assegno solo per i familiari residenti in Italia; l unica deroga arriva dall esistenza di una possibile Convenzione in materia di trattamenti di famiglia con lo Stato di cui l extracomunitario è cittadino. È quindi necessario che l interessato verifichi attraverso il proprio consolato l esistenza di una specifica e diversa convenzione. Oltre all assegno familiare concesso dallo Stato, vi è una seconda forma di assegno concesso questa volta dai comuni. Esso è riservato alle famiglie che hanno almeno tre figli minori ed è riservato ai cittadini italiani e ai Paesi dell Unione europea, compresi anche i nuovi Paesi aderenti. L importo mensile, che viene adeguato annualmente, nel 2006 è stato pari a 120,39 euro. È necessario avere un reddito inferiore ad una certa cifra: per il 2006 il limite di era di ,69. ITALIANO A tutela della madri Per tutelare le madri lavoratrici, la legislazione italiana prevede una indennità di maternità, anche detta indennità per astensione obbligatoria; essa è sostitutiva della retribuzione ed è pagata alle lavoratrici assenti dal lavoro per gravidanza e puerperio o per interruzione di gravidanza dopo il 180 giorno. Essa spetta: Alle lavoratrici dipendenti, senza distinzione di sorta fra comunitarie o extracomunitarie; alle lavoratrici autonome (coltivatrici dirette, mezzadre e colone, artigiane e commercianti); alle lavoratrici domestiche; alle lavoratrici agricole; alle lavoratrici parasubordinate iscritte alla gestione separata dei lavoratori autonomi; al padre lavoratore dipendente, in alternativa alla madre lavoratrice, in casi particolari (morte o grave malattia della madre; abbandono del figlio da parte della madre; affidamento esclusivo del minore al padre). L indennità di maternità spetta anche nei casi di adozione o affidamento preadottivo, per i 3 mesi successivi all ingresso del minore in famiglia, a condizione che il bambino non abbia superato i 6 anni di età (18 per i minori stranieri). Ammontare e durata 17

18 L importo dell indennità di maternità è pari all 80% della retribuzione media giornaliera percepita nel mese immediatamente precedente l inizio dell astensione dal lavoro. Le lavoratrici madri ricevono l indennità di maternità nel periodo di astensione obbligatoria dal lavoro: nei due mesi precedenti la data presunta del parto e nei tre mesi successivi alla data effettiva del parto. Nel caso, invece, di interruzione di gravidanza dopo il 180 giorno, l indennità viene concessa solo per 30 giorni. Le lavoratrici dipendenti possono, però, utilizzare con flessibilità il periodo di astensione obbligatoria. Esse, infatti, possono rimanere al lavoro fino all'ottavo mese di gravidanza, purché ciò non pregiudichi la salute della mamma e del bambino, così da recuperare dopo la nascita del bambino il periodo di astensione non utilizzato. La domanda Per poter ricevere l indennità di maternità la lavoratrice dipendente è obbligata a presentare una copia della domanda di astensione obbligatoria alla sede Inps competente per residenza; una copia al datore di lavoro. La lavoratrice autonoma deve naturalmente presentare una copia alla sola sede Inps competente per residenza. È opportuno ricordare che anche per questa domanda, come per tutte le altre, la persona può rivolgersi al Patronato. Come avviene il pagamento Il datore di lavoro paga l'indennità direttamente alle lavoratrici dipendenti, ottenendo poi un conguaglio dall Inps con il conguaglio dei contributi. Per le lavoratrici autonome il pagamento è effettuato direttamente dall'inps attraverso tre possibilità: assegno circolare; bonifico bancario o postale; sportello di un qualsiasi ufficio postale del territorio nazionale. Altre forme di sostegno alla maternità Lo Stato concede un assegno di maternità per ogni figlio nato, affidato o adottato dopo il 1 luglio del Esso spetta in alternativa alla madre naturale, all affidataria (anche se non in preadozione), all adottante; al padre naturale, al coniuge della donna adottante o affidataria, all adottante non coniugato, all affidatario anche non preadottivo. Per ottenere l assegno occorre risiedere in Italia al momento della domanda; essere in possesso della carta di soggiorno, se extracomunitario; avere specifici requisiti lavorativi o assicurativi. Il pagamento avviene attraverso un assegno tramite l Inps. La domanda per l assegno deve essere presentata all Inps entro 6 mesi dalla nascita o dall adozione o dall affidamento preadottivo. L assegno di maternità dello Stato è alternativo a quello concesso dai comuni. L Inps può comunque erogare l eventuale differenza fra l assegno di maternità comunale e quello statale. Una volta accolta la domanda, il beneficiario riceve l assegno entro 120 giorni dalla data di presentazione della stessa domanda. Nel caso in cui essa non venga accolta, la stessa viene automaticamente trasmessa al comune territorialmente competente perché il richiedente riceva l assegno di maternità concesso dai Comuni. Il comune di residenza concede un assegno di maternità per ogni figlio nato, adottato o affidato dopo il 1 luglio del Esso spetta in alternativa alla madre naturale, all affidataria in preadozione, all adottante; al padre naturale, al coniuge della donna adottante o affidataria, all adottante non coniugato, all affidatario preadottivo. Per poter ottenere l assegno occorre risiedere in Italia al momento della domanda; essere in possesso della carta di soggiorno, se extracomunitario; non beneficiare di alcuna indennità di maternità; avere un reddito del nucleo familiare di appartenenza non superiore, per l anno 2006, al limite di ,59. 18

19 L assegno ha un importo mensile pari a 288,75 euro per il 2006; esso è concesso dal Comune di residenza e pagato dall Inps in un unica soluzione entro 45 giorni dalla data di trasmissione della domanda da parte del comune stesso. La domanda per l assegno deve essere presentata al Comune di residenza della madre entro 6 mesi dalla nascita o dall adozione o dall affidamento preadottivo. Hanno diritto a questa prestazione anche le cittadine extracomunitarie prive della carta disoggiorno, purché siano già state riconosciute come rifugiate politiche. ITALIANO Per assistere i figli Congedi parentali La legge italiana riconosce specifici permessi retribuiti per assistere i propri figli. Nei primi otto anni di età del bambino i genitori, lavoratori dipendenti, hanno il diritto di assentarsi dal lavoro, anche contemporaneamente: la madre può astenersi per un periodo, continuativo o frazionato, non superiore a 6 mesi; il padre può astenersi per un periodo, continuativo o frazionato, non superiore a 7 mesi; il genitore solo può astenersi per un periodo, continuativo o frazionato, non superiore a 10 mesi; i genitori adottivi o affidatari possono usufruire del congedo parentale (6 mesi per la madre, 7 mesi per il padre, 11 mesi complessivi) nei primi 3 anni dall ingresso del bambino in famiglia, se lo stesso ha un età tra 6 e 12 anni; le lavoratrici autonome possono astenersi per 3 mesi entro il 1 anno di vita del bambino. È opportuno ricordare che le astensioni dal lavoro, se utilizzate da entrambi i genitori,non possono superare il limite complessivo di 11 mesi. Di norma, per poter usufruire del permesso, il genitore è tenuto a dare un preavviso di almeno 15 giorni al datore di lavoro. Indennità al posto della retribuzione Durante i periodi di congedo parentale il genitore riceve, in luogo della retribuzione, un indennità pari al 30% della retribuzione stessa. Per i lavoratori dipendenti l'indennità è pagata dal datore di lavoro che viene poi rimborsato dall'inps con il conguaglio dei contributi. Per i lavoratori autonomi il pagamento è effettuato direttamente dall'inps. L indennità cambia a seconda dell età del bambino e del reddito disponibile della famiglia. Fino ai 3 anni di vita del bambino, il genitore riceve l indennità del 30% per un periodo massimo complessivo, tra i genitori, di 6 mesi. Per questo periodo è riconosciuta una contribuzione figurativa, cioè a dire non ci sono perdite sotto il profilo della pensione futura; dai 4 agli 8 anni di vita del bambino, per i periodi superiori a 6 mesi, l indennità del 30% spetta solo se il reddito annuo del genitore richiedente non superi due volte e mezzo l'importo del trattamento minimo di pensione in vigore quell anno. Anche in questo caso è prevista anche in questo caso una contribuzione figurativa. Congedo per malattia del figlio Nei primi 8 anni di vita del bambino i genitori hanno anche diritto ad astenersi dal lavoro, tramite congedo, quando il proprio figlio si ammala. La durata del congedo varia in base all età del figlio: entro i primi 3 anni di vita del bambino i genitori, in alternativa e non insieme, hanno diritto al congedo senza limite di tempo; il congedo è coperto da una contribuzione figurativa ma non è retribuito; dal 4 all 8 anno del figlio la durata del congedo si riduce a 5 giorni all anno a testa, non fruibili contemporaneamente. Il congedo è coperto da una contribuzione figurativa ed è prevista un indennità pari al 30% della retribuzione solo nel caso in cui il reddito annuo del genitore richiedente non superi di 2,5 volte l importo del trattamento minimo di pensione in vigore a quella data. 19

20 In entrambi i casi, non sono previste visite mediche per i genitori, i quali, però, devono presentare il certificato medico attestante la malattia del bambino. Inoltre, il genitore è tenuto a presentare una autocertificazione che attesti che l altro genitore non usufruisce contemporaneamente dell astensione. 6. Salute 20 Assistenza Sanitaria Hanno diritto all assistenza sanitaria tutti i cittadini extracomunitari regolarmente soggiornanti che abbiano in corso regolare attività di lavoro subordinato o di lavoro autonomo; siano iscritti negli archivi anagrafici dei Centri per l impiego; siano detenuti ed internati; siano in possesso del permesso di soggiorno o ricevuta di rinnovo per lavoro subordinato; lavoro autonomo; motivi familiari; asilo politico; asilo umanitario o richiesta di asilo. Spetta altresì ai cittadini in attesa di adozione ed affidamento o in attesa di acquisizione della cittadinanza. Alle donne in stato di gravidanza o nei 6 mesi successivi alla nascita del figlio a cui provvedono sono garantite analisi e cure mediche. L assistenza sanitaria spetta anche alle persone della famiglia a carico regolarmente soggiornanti (nel caso in cui non siano in possesso di un permesso di soggiorno che attribuisca loro il diritto all assistenza a titolo proprio) e, fin dalla nascita, ai figli minori. Cosa fare In primo luogo occorre procedere all iscrizione presso il Servizio Sanitario Nazionale (SSN), presso il presidio territoriale (Distretto Socio Sanitario) della ASL del Comune di residenza o del Comune risultante dal permesso di soggiorno. Cosa serve Per l iscrizione serve: a) il permesso di soggiorno (in caso di rinnovo, ricevuta della richiesta di rinnovo); b) una autocertificazione di residenza oppure autocertificazione di effettiva dimora, come risulta dal permesso di soggiorno; c) una autocertificazione del numero del codice fiscale; d) certificato di iscrizione negli archivi anagrafici in caso di disoccupazione. A questi documenti potranno essere aggiunti: una autocertificazione dello stato di famiglia; una autocertificazione attestante la condizione di familiare a carico; una autocertificazione di iscrizione al Centro per l impiego. L iscrizione ha termine alla scadenza del permesso di soggiorno e può essere prorogata esibendo la richiesta di rinnovo del permesso di soggiorno o il permesso di soggiorno rinnovato. Non c è un limite annuale di validità dell iscrizione. Vantaggi L iscrizione al Sistema Sanitario Nazionale porta alla scelta del medico di famiglia o pediatra; alle cure mediche specialistiche, dietro richiesta del medico di famiglia o pediatra, pagando eventualmente il ticket previsto; ai ricoveri ordinari e in regime di Day Hospital gratuiti; all assistenza farmaceutica per l acquisto di farmaci. Casi particolari Gli stranieri non titolari di permesso di soggiorno godono comunque di specifiche tutele; essi infatti sono assicurati comunque per le cure ambulatoriali ed ospedaliere, urgenti o comunque essenziali, anche se continuative, per malattia ed infortunio. Oltre le cure urgenti, che non possono essere differite senza pericolo per la vita o danno per la salute della persona, sono garantite anche le cure essenziali relative a malattie non pericolose nell immediato, ma che non curate potrebbero determinare

dental metoxit.com The Swiss spirit of innovation

dental metoxit.com The Swiss spirit of innovation dental metoxit.com The Swiss spirit of innovation Azienda Linee di prodotti Qualità La Metoxit AG è un impresa svizzera di media grandezza che appartiene alla Holding AGZ. Metoxit offre una vasta gamma

Más detalles

La protección de la salud 1 y la organización sanitaria en la Provincia de Pavía

La protección de la salud 1 y la organización sanitaria en la Provincia de Pavía GUÍA SANITARIA Informar para prevenir las enfermedades La protección de la salud 1 y la organización sanitaria en la Provincia de Pavía Las reglas generales de la asistencia sanitaria en Italia La Constitución

Más detalles

BECAS OFRECIDAS POR EL GOBIERNO ITALIANO, LA REGIÓN LIGURIA Y LA UNIVERSIDAD DE GÉNOVA A CIUDADANOS ARGENTINOS DE ORIGEN ITALIANO

BECAS OFRECIDAS POR EL GOBIERNO ITALIANO, LA REGIÓN LIGURIA Y LA UNIVERSIDAD DE GÉNOVA A CIUDADANOS ARGENTINOS DE ORIGEN ITALIANO BECAS OFRECIDAS POR EL GOBIERNO ITALIANO, LA REGIÓN LIGURIA Y LA UNIVERSIDAD DE GÉNOVA A CIUDADANOS ARGENTINOS DE ORIGEN ITALIANO AÑO ACADÉMICO 2006/2007 El Ministerio de Relaciones Exteriores de Italia,

Más detalles

El profesorado español destinado en las Secciones es seleccionado entre los funcionarios docentes mediante concurso de méritos.

El profesorado español destinado en las Secciones es seleccionado entre los funcionarios docentes mediante concurso de méritos. PROGRAMA: SECCIONES ESPAÑOLAS EN CENTROS ITALIANOS Tienen por objeto propiciar la proyección de la lengua y la cultura españolas y ampliar las posibilidades de recibir formación en el contexto de experiencias

Más detalles

Diseño y fabricación de expositores PLV. Design e display POP produzione

Diseño y fabricación de expositores PLV. Design e display POP produzione Diseño y fabricación de expositores PLV Design e display POP produzione Empresa Azienda Soluciones para el diseño y fabricación de expositores PLV Design Solutions e display POP produzione Con una amplia

Más detalles

Mercado del Trabajo en Italia

Mercado del Trabajo en Italia Mercado del Trabajo en Italia El mercado de trabajo Tasa de empleo nacional: 56,9 %. inferior casi 13 puntos de la media de la UE (70,4%). lejos de el tratado de Lisboa. Más afectaos: mujeres y los

Más detalles

Portacontenedor de cadenas Impianto multibenna

Portacontenedor de cadenas Impianto multibenna Portacontenedor de cadenas Impianto multibenna www.meiller.com Nuestros puntos fuertes sus beneficios Escaso peso propio Alta resistencia y elasticidad de los grupos constructivos Posibilidad de adaptación

Más detalles

RELAZIONI CON IL REGNO DI SPAGNA Omologazione dei gradi accademici rilasciati dal PIAMS

RELAZIONI CON IL REGNO DI SPAGNA Omologazione dei gradi accademici rilasciati dal PIAMS 1 di 5 11 maggio 2015 RELAZIONI CON IL REGNO DI SPAGNA Omologazione dei gradi accademici rilasciati dal PIAMS Lo scorso 15 aprile 2015 José Ignacio Wert Ortega, Ministro per l Educazione, la Cultura e

Más detalles

Entre las formas de producción neológicas de los lenguajes de especialidad encontramos el préstamo lingüístico. El lenguaje científico de la economía

Entre las formas de producción neológicas de los lenguajes de especialidad encontramos el préstamo lingüístico. El lenguaje científico de la economía Entre las formas de producción neológicas de los lenguajes de especialidad encontramos el préstamo lingüístico. El lenguaje científico de la economía es uno de lo más afectados por la presencia masiva

Más detalles

GUÍA PARA EL MIGRANTE PERUANO. Guida per il migrante peruviano

GUÍA PARA EL MIGRANTE PERUANO. Guida per il migrante peruviano GUÍA PARA EL MIGRANTE PERUANO Guida per il migrante peruviano Questa guida è stata realizzata nell'ambito del Progetto Perù Migrante (DCI-MIGR/2010/229-563) con il contributo dell'unione Europea. La responsabilità

Más detalles

CARTELLA STAMPA #IOVOTOLOSTESSO

CARTELLA STAMPA #IOVOTOLOSTESSO CARTELLA STAMPA #IOVOTOLOSTESSO Il 24 e 25 febbraio in Italia si terranno le elezioni politiche per scegliere il nuovo Primo Ministro e, siccome non è previsto il "voto per corrispondenza"*, tutti i cittadini

Más detalles

DIRECTRICES Y ORIENTACIONES GENERALES PARA LAS PRUEBAS DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD

DIRECTRICES Y ORIENTACIONES GENERALES PARA LAS PRUEBAS DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD Curso Asignatura 2012/2013 LENGUA EXTRANJERA (ITALIANO) 1º Comentarios acerca del programa del segundo curso del Bachillerato, en relación con la Prueba de Acceso a la Universidad La Orden de 5 de agosto

Más detalles

QUESTIONARIO IN LINGUA SPAGNOLA

QUESTIONARIO IN LINGUA SPAGNOLA Comune di Russi Comune di Ravenna QUESTIONARIO IN LINGUA SPAGNOLA PER ALUNNI NEO-ARRIVATI CUESTIONARIO EN ESPAÑOL PARA ALUMNOS QUE HAN LLEGADO HACE POCO A ITALIA Fonte: COSPE Firenze Ciao! Sei appena arrivato

Más detalles

salute: un diritto per tutti

salute: un diritto per tutti salute: un diritto per tutti l'assistenza sanitaria in Italia italiano La salud: un derecho para todos la asistencia sanitaria en Italia spagnolo Secondo la Costituzione Italiana la salute è un diritto

Más detalles

Un esempio di valutazione delle competenze trasversali e di cittadinanza. I.I.S. L. da Vinci Padova a.s. 2014-12015

Un esempio di valutazione delle competenze trasversali e di cittadinanza. I.I.S. L. da Vinci Padova a.s. 2014-12015 Sono competente quando riesco a utilizzare tutto quello che ho imparato per risolvere situazioni problematiche che non necessariamente già conosco (P.C. Revoltella, 2012) Un esempio di valutazione delle

Más detalles

Italiano - Español. Centro di lavoro CNC a 5 assi controllati Centro de trabajo CNC con 5 ejes controlados. Chronos HT

Italiano - Español. Centro di lavoro CNC a 5 assi controllati Centro de trabajo CNC con 5 ejes controlados. Chronos HT Italiano - Español Centro di lavoro CNC a 5 assi controllati Centro de trabajo CNC con 5 ejes controlados Chronos HT Chronos HT Alta tecnologia e massima ergonomia Alta tecnología y máxima ergonomía Centro

Más detalles

Año Académico 2007 / 2008 I - DISPOSICIONES GENERALES. 2. Ciudadanos italianos residentes en el extranjero (I.R.E)

Año Académico 2007 / 2008 I - DISPOSICIONES GENERALES. 2. Ciudadanos italianos residentes en el extranjero (I.R.E) DISPOSICIONES GENERALES PARA BECAS DE ESTUDIO OTORGADAS POR EL GOBIERNO ITALIANO A CIUDADANOS EXTRANJEROS Y CIUDADANOS ITALIANOS RESIDENTES EN FORMA PERMANENTE EN EL EXTRANJERO (I.R.E.) Año Académico 2007

Más detalles

Maria Amparo Sabel Espasandin

Maria Amparo Sabel Espasandin Maria Amparo Sabel Espasandin Indirizzo: Res. Atlantico I - Fase IV Puerta 19, calle Boreas 6-38630 Arona e-mail: itzalsabel@icloud.com Telefono cellulare: 674576385 Data di nascita: 19/12/1962 Patente:

Más detalles

LEGGE ARGENTINA SULL IDENTITÀ DI GENERE 2012. Traduzione di Gabriella Friso

LEGGE ARGENTINA SULL IDENTITÀ DI GENERE 2012. Traduzione di Gabriella Friso LEGGE ARGENTINA SULL IDENTITÀ DI GENERE 2012 Traduzione di Gabriella Friso IDENTITA DI GENERE Legge 26.743 Sancisce il diritto all'identità di genere degli individui. Approvata: 9 Maggio del 2012 Promulgata:

Más detalles

EL CONSEJO SUPERIOR DE LA UNIVERSIDAD NACIONAL DE CUYO RESUELVE:

EL CONSEJO SUPERIOR DE LA UNIVERSIDAD NACIONAL DE CUYO RESUELVE: MENDOZA, 30 de diciembre de 2004 VISTO: El Expediente N 1-83/2004, donde obran los antecedentes relativos al Acuerdo de Colaboración Cultural suscrito entre esta Universidad y la Università degli Studi

Más detalles

Premio letterario Navile - Città di Bologna narrativa illustrata 2010. Premio literario Navile - Ciudad de Bolonia narrativa ilustrada 2010

Premio letterario Navile - Città di Bologna narrativa illustrata 2010. Premio literario Navile - Ciudad de Bolonia narrativa ilustrada 2010 Premio letterario Navile - Città di Bologna narrativa illustrata 2010 Premio literario Navile - Ciudad de Bolonia narrativa ilustrada 2010 testo texto Vittorio Ferorelli www.vittorioferorelli.com fotografie,

Más detalles

IN ITALIA ALGUNOS VALIOSOS CONSEJOS PARA VIVIR Y CONVIVIR SIN PROBLEMAS. Coordinamento degli Sportelli Immigrazione. Anno 2011-2012 EN TU CIUDAD

IN ITALIA ALGUNOS VALIOSOS CONSEJOS PARA VIVIR Y CONVIVIR SIN PROBLEMAS. Coordinamento degli Sportelli Immigrazione. Anno 2011-2012 EN TU CIUDAD Informa va realizzata all interno delle a vità del proge o PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE POLITICHE SOCIALI E SALUTE Coordinamento degli Sportelli Immigrazione Anno 2011-2012 IN ITALIA ALCUNI PREZIOSI CONSIGLI

Más detalles

SYSTEM10 FOOD SYSTEM10 NON FOOD. SYSTEM10 L ECCELLENZA IN OGNI CASO Le scaffalature ultra slim che prima non esistevano.

SYSTEM10 FOOD SYSTEM10 NON FOOD. SYSTEM10 L ECCELLENZA IN OGNI CASO Le scaffalature ultra slim che prima non esistevano. FOOD NON FOOD SYSTEM10 FOOD SYSTEM10 NON FOOD SYSTEM10 L ECCELLENZA IN OGNI CASO Le scaffalature ultra slim che prima non esistevano. SYSTEM10 LA EXCELENCIA SIEMPRE SYSTEM10 La risposta giusta, sempre.

Más detalles

ACUERDO DE DOBLE TITULACIÓN ACCORDO DI DOPPIA LAUREA TRA ENTRE L UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA L'UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA

ACUERDO DE DOBLE TITULACIÓN ACCORDO DI DOPPIA LAUREA TRA ENTRE L UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA L'UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA ACUERDO DE DOBLE TITULACIÓN ENTRE L'UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Y LA UNIVERSIDAD DE SEVILLA ACCORDO DI DOPPIA LAUREA TRA L UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA E L'UNIVERSITÀ DI SIVIGLIA El Prof. Dr. Fabio

Más detalles

Se constituye entre los suscribientes, una sociedad regular colectiva bajo la denominación social:... & c. s.n.c

Se constituye entre los suscribientes, una sociedad regular colectiva bajo la denominación social:... & c. s.n.c Estatutos sociales de sociedad regular colectiva Art. 1 Denominación social, domicilio y duración Se constituye entre los suscribientes, una sociedad regular colectiva bajo la denominación social:... &

Más detalles

PROVINCIA DI VENEZIA FONDAZIONE DI VENEZIA. PROGETTO INTERCULTURA La Mediazione Linguistico Culturale

PROVINCIA DI VENEZIA FONDAZIONE DI VENEZIA. PROGETTO INTERCULTURA La Mediazione Linguistico Culturale PER INFORMAZIONI RIVOLGERSI: FOR INFORMATION TURN TO: PROVINCIA DI VENEZIA PROGETTO INTERCULTURA Settore istruzione Provincia di Venezia Via Forte Marghera191, Mestre Venezia Giuseppina Trevisan 0412501916

Más detalles

newsletter n 3 enero 2012

newsletter n 3 enero 2012 SAFE SOCIA MEDIA EN LOS COLEGIOS italiano y español El proyecto Safe Social Media ha llegado por fin a los colegios italiano y espanol. Entre diciembre y Enero han comenzado las charlas en los colegios

Más detalles

More than a CMYK process with Keraminks

More than a CMYK process with Keraminks More than a CMYK process with Keraminks Each day a new development, a more intense color, a winning product. The best chromatic variety Color intensity Multi-machine inks Technical printing support Personalized

Más detalles

PROYECTO URBAL Observatorio Latinoamericano de Seguridad Ciudadana. Diagnóstico local de Seguridad Ciudadana, Provincia de Padua

PROYECTO URBAL Observatorio Latinoamericano de Seguridad Ciudadana. Diagnóstico local de Seguridad Ciudadana, Provincia de Padua PROYECTO URBAL Observatorio Latinoamericano de Seguridad Ciudadana Diagnóstico local de Seguridad Ciudadana, Provincia de Padua Quito,, Ecuador Julio 2007 Características generales de la Provincia ubicada

Más detalles

DIALOGOI ISPANISTICA

DIALOGOI ISPANISTICA DIALOGOI ISPANISTICA 15 Direttore Giuseppe Grilli Università degli Studi di Roma Tre Comitato scientifico Fernando Martínez de Carnero Calzada Sapienza Università di Roma Antonio Pamies Betran Universidad

Más detalles

1. Lugar de alquiler, duración y detalles: p. 14 2. Resultado y detalles de la busqueda: p. 14 3. Procedimiento de reserva: p. 15

1. Lugar de alquiler, duración y detalles: p. 14 2. Resultado y detalles de la busqueda: p. 14 3. Procedimiento de reserva: p. 15 MANUAL 2009 1 2 A. HOTELES ON LINE: p. 4 1. Como seleccionar una ciudad: p. 4 2. Duración de la estancia: p. 6 3. Define el numero y tipo de habitación p. 6 4. Pagina de las ofertas: p. 7 5. Procedimiento

Más detalles

Italiano para Restauración y Servicio de Bar (Nivel Oficial Consejo Europeo A1)

Italiano para Restauración y Servicio de Bar (Nivel Oficial Consejo Europeo A1) Italiano para Restauración y Servicio de Bar (Nivel Oficial Consejo Europeo A1) Titulación acredidatada por la Comisión Internacional de Formación de la UNESCO Italiano para Restauración y Servicio de

Más detalles

Liceo G.B. Vico Corsico a.s. 2013-14

Liceo G.B. Vico Corsico a.s. 2013-14 Liceo G.B. Vico Corsico a.s. 2013-14 Programma svolto durante l anno scolastico Classe: Materia: Insegnante: Testi utilizzati: 4F Spagnolo Prof.ssa Veronica Moretti -C.Ramos, M.J.Santos, M. Santos Qué

Más detalles

Le scuole dell infanzia statali Las escuelas infantiles estatales

Le scuole dell infanzia statali Las escuelas infantiles estatales Comune di Bologna Settore Istruzione Ufficio Scolastico Provinciale di Bologna Direzioni Didattiche Istituti Comprensivi - Lingua spagnola Le scuole dell infanzia statali Las escuelas infantiles estatales

Más detalles

Italià Criteris específics de correcció Model 2

Italià Criteris específics de correcció Model 2 Prova d accés a la Universitat per als més grans de 25 anys (2008) Criteris específics de correcció Els valors assignats a cada pregunta amb precisions sobre la ponderació de les respostes que es consideren

Más detalles

Lingua Spagnola PROGRAMMA DEL CORSO

Lingua Spagnola PROGRAMMA DEL CORSO Lingua Spagnola DIDATTICA DEL CORSO La didattica si articola in 50 ore di lezione, 01 ora di laboratorio per all'autoapprendimento grazie all'utilizzo di software ad hoc. PROGRAMMA DEL CORSO Il Corso si

Más detalles

FORMATORE/INSTRUCTOR PRESENTAZIONE PRESENTACIÓN

FORMATORE/INSTRUCTOR PRESENTAZIONE PRESENTACIÓN NOME E SEDE DEL WORKSHOP NOMBRE Y SEDE DEL TALLER FORLI N. ORE NO. HORAS DATA FECHA Mediazione interculturale, lingue e gestione dei conflitti Mediación intercultural, lenguas y gestión de los conflictos

Más detalles

Multicultural societes, intercultural dialogue and European museums

Multicultural societes, intercultural dialogue and European museums Multicultural societes, intercultural dialogue and European museums MAP for ID: Impact and developments in the partner countries Spain. Elena Delgado Museo América Madrid 23 Oct. 2010 Desde Madrid Proyectos

Más detalles

PORTATA 400 kg CAPACIDAD DE CARGA 400 kg. PORTATA 900 kg CAPACIDAD DE CARGA 900 kg. PORTATA 1300 kg CAPACIDAD DE CARGA 1300 kg

PORTATA 400 kg CAPACIDAD DE CARGA 400 kg. PORTATA 900 kg CAPACIDAD DE CARGA 900 kg. PORTATA 1300 kg CAPACIDAD DE CARGA 1300 kg I ES hs_dfm 004240507_volta 10-05-2007 14:13 Pagina 1 Si tratta di una vera e propria novità nel settore della logistica e del trasporto all'interno dei cantieri, che presentano pavimentazioni inesistenti

Más detalles

PRUEBA ESPECÍFICA DE CERTIFICACIÓN DE NIVEL INTERMEDIO DE ITALIANO SEPTIEMBRE 2013 COMPRENSIÓN ORAL

PRUEBA ESPECÍFICA DE CERTIFICACIÓN DE NIVEL INTERMEDIO DE ITALIANO SEPTIEMBRE 2013 COMPRENSIÓN ORAL ESCUELAS OFICIALES DE IDIOMAS DEL PRINCIPADO DE ASTURIAS PRUEBA ESPECÍFICA DE CERTIFICACIÓN DE NIVEL INTERMEDIO DE ITALIANO SEPTIEMBRE 2013 Comisión de Evaluación de la EOI de COMPRENSIÓN ORAL Puntuación

Más detalles

EUROPEAN ENTREPRENEURS CAMPUS

EUROPEAN ENTREPRENEURS CAMPUS EUROPEAN ENTREPRENEURS CAMPUS Resultado 7: Implementación y explotación de los resultados El presente documento consiste en la recopilación de información sobre la aplicación y explotación de la metodología,

Más detalles

CERTIFICADO DE ASISTENCIA AL PARTO

CERTIFICADO DE ASISTENCIA AL PARTO REGION VENETO Observatorio Regional para la Patología Pediátrica Universidad de Padova Hospital de Padova Departamento de Pediatría Unidad de Epidemiología y Medicina de Comunidad CERTIFICADO DE ASISTENCIA

Más detalles

Pontificia Universidad Católica del Ecuador

Pontificia Universidad Católica del Ecuador Fax: 59 2 299 16 56 1. DATOS INFORMATIVOS: MATERIA O MÓDULO: Seminario en Italiano: Settori e realtà produttive e lavorative in Italia y Europa CECA-MEC-CEE-UE CÓDIGO: 16887 CARRERA: MULTILINGÜE EN NEGOCIOS

Más detalles

IDEA TOSCANA Cosmetici per il benessere

IDEA TOSCANA Cosmetici per il benessere http://marcelayz.wordpress.com/2013/06/16/ideatoscana-cosmetici-per-il-benessere/ IDEA TOSCANA Cosmetici per il benessere Posted on giugno 16, 2013 by marcelayz Prima Spremitura di Idea Toscana nasce nell

Más detalles

Glossario Italiano Spagnolo

Glossario Italiano Spagnolo Glossario Italiano Spagnolo Le parole dei Servizi Demografici di Davide Chiarella Paola Cutugno Roberta Lucentini Lucia Marconi Consiglio Nazionale delle Ricerche traduzione a cura di: Domenica Canchano

Más detalles

CONSULADO GENERAL DE HONDURAS EN ROMA

CONSULADO GENERAL DE HONDURAS EN ROMA Fotografía Reciente / Fotografia recente / Recent Photograph FORMULARIO DE VISA VCA-4 MODULO DI RICHIESTA PER VISTO VCA -4 VISA VCA-4 REQUEST FORM Por favor escriba en letra de molde y claramente, completando

Más detalles

AI RAGAZZI E AI GENITORI STRANIERI

AI RAGAZZI E AI GENITORI STRANIERI ISTITUTO TECNICO TRASPORTI E LOGISTICA " F. DE PINEDO " AI RAGAZZI E AI GENITORI STRANIERI A LOS CHICOS Y A SUS PADRES EXTRANJEROS ITALIANO/SPAGNOLO ITALIANO/ESPAÑOL Come funziona l istruzione superiore

Más detalles

Scuola Statale Italiana di Madrid Calle Agustín de Betancourt, 1-28003 MADRID 91.533.05.39 fax 91.534.58.36 scuola@scuolaitalianamadrid.

Scuola Statale Italiana di Madrid Calle Agustín de Betancourt, 1-28003 MADRID 91.533.05.39 fax 91.534.58.36 scuola@scuolaitalianamadrid. Scuola Statale Italiana di Madrid Calle Agustín de Betancourt, 1-28003 MADRID 91.533.05.39 fax 91.534.58.36 scuola@scuolaitalianamadrid.org LA COLAZIONE La colazione rappresenta uno dei pasti più importanti

Más detalles

Condiciones de participación en airberlin business points

Condiciones de participación en airberlin business points en airberlin business points Actualizado a: 01.09.2015 1. DESCRIPCIÓN DEL PROGRAMA airberlin business points es el programa oficial de Internet de airberlin dirigido a pequeñas y medianas empresas. Administrador

Más detalles

SCM GROUP spa - Via Emilia, 71-47900 Rimini (RN) - Italy Tel. +39/0541/700111 - Fax +39/0541/700181 - www.scmgroup.com - E-mail: scm@scmgroup.

SCM GROUP spa - Via Emilia, 71-47900 Rimini (RN) - Italy Tel. +39/0541/700111 - Fax +39/0541/700181 - www.scmgroup.com - E-mail: scm@scmgroup. Rev n. 00-03/2006 - Acanto Comunicazione - Sat SCM GROUP spa - Via Emilia, 71-47900 Rimini (RN) - Italy Tel. +39/0541/700111 - Fax +39/0541/700181 - www.scmgroup.com - E-mail: scm@scmgroup.com Italiano

Más detalles

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome VILLEGAS GALAN, MARIA DE LOS ANGELES Nazionalità Spagnola Data di nascita 26/11/1977 ESPERIENZA LAVORATIVA

Más detalles

CONTRATTO DI CONTO CORRENTE CONTRATO DE CUENTA CORRIENTE

CONTRATTO DI CONTO CORRENTE CONTRATO DE CUENTA CORRIENTE CONDIZIONI GENERALI RELATIVE AL RAPPORTO BANCA CLIENTE Le presenti condizioni generali si applicano in via generale a tutti i servizi prestati, ai prodotti e agli inerenti rapporti offerti dalla Banca

Más detalles

bab.la Frases: Personal Buenos deseos Español-Italiano

bab.la Frases: Personal Buenos deseos Español-Italiano Buenos deseos : Matrimonio Felicitaciones. Les deseamos a ambos toda la felicidad del mundo. Congratulazioni. I nostri migliori auguri e tanta felicità. Se usa al felicitar a una pareja de recién casados

Más detalles

bab.la Frases: Personal Buenos deseos Italiano-Español

bab.la Frases: Personal Buenos deseos Italiano-Español Buenos deseos : Matrimonio Congratulazioni. I nostri migliori auguri e tanta felicità. Felicitaciones. Les deseamos a ambos toda la felicidad del mundo. Se usa al felicitar a una pareja de recién casados

Más detalles

AI GENITORI DI. A LOS PADRES DE

AI GENITORI DI. A LOS PADRES DE AI GENITORI DI. A LOS PADRES DE Cari genitori, benvenuti nella nostra scuola. Estimados padres bienvenidos a nuestra escuela. Vi comunichiamo che: Les comunicamos que: vostro/a figlio/a è iscritto alla

Más detalles

PROVA SCRITTA LINGUA SPAGNOLA I - TEST DI GRAMMATICA 16 SETTEMBRE 2009

PROVA SCRITTA LINGUA SPAGNOLA I - TEST DI GRAMMATICA 16 SETTEMBRE 2009 PROVA SCRITTA LINGUA SPAGNOLA I - TEST DI GRAMMATICA 16 SETTEMBRE 2009 Cognome e Nome : Matricola: Ordinamento: 1. Rellena los huecos con la preposición adecuada o deja en blanco. 1. Ayer llamé teléfono

Más detalles

STRUTTURE SPECIALI PER IL LAVORO IN QUOTA SOLUCIONES ESPECIALES PARA LA ELEVACION

STRUTTURE SPECIALI PER IL LAVORO IN QUOTA SOLUCIONES ESPECIALES PARA LA ELEVACION STRUTTURE SPECIALI PER IL LAVORO IN QUOTA SOLUCIONES ESPECIALES PARA LA ELEVACION DIN EN 9001 garanzia anni garantia a 15 ños 2009 Soluzioni Speciali Svelt produce dal 1964 una vasta gamma di prodotti

Más detalles

Asistencia Sanitaria para todos: guía para los ciudadanos extranjeros

Asistencia Sanitaria para todos: guía para los ciudadanos extranjeros International Network of Health Promotion Hospitals & Health Services L assistenza sanitaria per tutti: guida per i cittadini stranieri Asistencia Sanitaria para todos: guía para los ciudadanos extranjeros

Más detalles

2. Alma Mater Studiorum - Universita' Di Bologna Dipartimento Di Lingue E Letterature Straniere Moderne

2. Alma Mater Studiorum - Universita' Di Bologna Dipartimento Di Lingue E Letterature Straniere Moderne Boletín Informativo Nº 077 Departamento de Cooperación Internacional Secretaría de Consejo Superior y Relaciones Institucionales Universidad Nacional de La Pampa Viernes 11 de noviembre de 2011 NOVEDADES

Más detalles

CONVENTIONES INTER APOSTOLICAM SEDEM ET NATIONEM HISPANAM

CONVENTIONES INTER APOSTOLICAM SEDEM ET NATIONEM HISPANAM Acta Ioannis Pauli Pp. II 29 CONVENTIONES INTER APOSTOLICAM SEDEM ET NATIONEM HISPANAM ACCORDO ACUERDO TRA LA SANTA SEDE E LO STATO SPAGNOLO CIRCA QUESTIONI GIURIDICHE ENTRE EL ESTADO ESPAÑOL Y LA SANTA

Más detalles

CONSOLATO GENERALE D ITALIA LA PLATA. www.conslaplata.esteri.it

CONSOLATO GENERALE D ITALIA LA PLATA. www.conslaplata.esteri.it CONSOLATO GENERALE D ITALIA LA PLATA www.conslaplata.esteri.it "La Cantante" Opera in due atti di F. J. Haydn Premiere al Teatro "El Bombín": 17 settembre 2014, ore 21. Sintesi Gasparina è una cantante,

Más detalles

CUESTIONARIO DE INMIGRACIÓN (Investigación BERD)

CUESTIONARIO DE INMIGRACIÓN (Investigación BERD) CUESTIONARIO DE INMIGRACIÓN (Investigación BERD) SECCIÓN A: características individuales A.1 Género: 1. Masculino 2. Femenino A.2 Año de nacimiento: A.3 Lugar de nacimiento Estado: Albania Bosnia Bulgaria

Más detalles

e-samo tus pedidos con un click www.samo.it/es

e-samo tus pedidos con un click www.samo.it/es tus pedidos con un click www.samo.it/es indice qué es el portal Samo Servicios Home page Introducción del pedido Estado del pedido on line Disponibilidad de artículos On line Control de situación del pedido

Más detalles

Máster Executive en Italiano Profesional (Nivel Oficial Consejo Europeo C1)

Máster Executive en Italiano Profesional (Nivel Oficial Consejo Europeo C1) Máster Executive en Italiano Profesional (Nivel Oficial Consejo Europeo C1) Titulación acredidatada por la Comisión Internacional de Formación de la UNESCO Máster Executive en Italiano Profesional (Nivel

Más detalles

PRUEBA ESPECÍFICA DE CERTIFICACIÓN DE NIVEL BÁSICO DE ITALIANO SEPTIEMBRE 2015 COMPRENSIÓN ORAL

PRUEBA ESPECÍFICA DE CERTIFICACIÓN DE NIVEL BÁSICO DE ITALIANO SEPTIEMBRE 2015 COMPRENSIÓN ORAL ESCUELAS OFICIALES DE IDIOMAS DEL PRINCIPADO DE ASTURIAS PRUEBA ESPECÍFICA DE CERTIFICACIÓN DE NIVEL BÁSICO DE ITALIANO SEPTIEMBRE 2015 Comisión de Evaluación de la EOI de COMPRENSIÓN ORAL Puntuación total

Más detalles

CONTRATTO DI CONTO CORRENTE CONTRATO DE CUENTA CORRIENTE

CONTRATTO DI CONTO CORRENTE CONTRATO DE CUENTA CORRIENTE Condizioni generali che regolano il conto corrente i seguenti documenti hanno l'unico scopo di facilitare la comprensione delle condizioni e norme che regolano il presente rapporto / servizio / prodotto.

Más detalles

ITALIANO NIVEL ELEMENTAL (A1) CUID 2015-2016. Este nivel es de iniciación y, por tanto, no se requiere ningún conocimiento previo.

ITALIANO NIVEL ELEMENTAL (A1) CUID 2015-2016. Este nivel es de iniciación y, por tanto, no se requiere ningún conocimiento previo. ITALIANO NIVEL ELEMENTAL (A1) CUID 2015-2016 Este nivel es de iniciación y, por tanto, no se requiere ningún conocimiento previo. 1. OBJETIVOS Este curso de nivel elemental tiene como objetivos específicos:

Más detalles

Casa a Si i Cura. I t. tr zi ol a. t o at. d i. n d. a so. u o r famil a a i

Casa a Si i Cura. I t. tr zi ol a. t o at. d i. n d. a so. u o r famil a a i Casa a Si i Cura Istruzioni ad uso Is I t st lll dei collaboratori familiari de colla d i tr zi la ol a uzio i lab ra abor t o at a n d orato i a so us u o ratori familia so r famil a iari a i r Introduzione

Más detalles

INFORMATIVA LEGALE RELATIVA AL SITO WEB www.ciaoisolecanarie.com. INFORMACIÓN LEGAL RELATIVA A LA WEB www.ciaoisolecanarie.com

INFORMATIVA LEGALE RELATIVA AL SITO WEB www.ciaoisolecanarie.com. INFORMACIÓN LEGAL RELATIVA A LA WEB www.ciaoisolecanarie.com INFORMATIVA LEGALE RELATIVA AL SITO WEB www.ciaoisolecanarie.com INFORMACIÓN LEGAL RELATIVA A LA WEB www.ciaoisolecanarie.com 1. PROPRIETÀ DEL SITO www.ciaoisolecanarie.com è un sito web ufficiale mirato

Más detalles

JOSÉ MANUEL BALLESTER

JOSÉ MANUEL BALLESTER TITOLO MOSTRA: ESPACIOS OCULTOS DEL RENACIMIENTO ITALIANO. SPAZI NASCOSTI DEL RINASCIMENTO ITALIANO AUTORE: JOSÉ MANUEL BALLESTER CURATA DA: REAL ACADEMIA DE ESPAÑA EN ROMA/ JOSÉ MANUEL BALLESTER. PROMOSSA

Más detalles

COSTITUZIONE SPAGNOLA

COSTITUZIONE SPAGNOLA LE COSTITUZIONI DEGLI ALTRI Banca documenti del Consiglio regionale del Veneto a cura della Direzione regionale rapporti e attività istituzionali drai@consiglio.regione.veneto.it COSTITUZIONE SPAGNOLA

Más detalles

Italiano. Lilamé. Progetto editoriale Cosa farà Lilamé. www.lilame.org

Italiano. Lilamé. Progetto editoriale Cosa farà Lilamé. www.lilame.org Italiano Progetto editoriale Cosa farà Il progetto editoriale,, è un progetto editoriale on-line che si propone di valorizzare principalmente la diffusione e la commercializzazione di produzioni editoriali

Más detalles

WF-IP Módulo de Riego Pila

WF-IP Módulo de Riego Pila WF-IP Módulo de Riego Pila GUÍA RÁPIDA DE INSTALACIÓN + FR...P1 EN...P7 ES...P14 IT...P21 14 NOTE : INICIAR UN WF-IP (Módulo de Riego pila) Los productos WF-IP (Módulos de riego con pilas) funcionan en

Más detalles

LA FAMILIA, PUNTO ESENCIAL EN LA EDUCACIÓN

LA FAMILIA, PUNTO ESENCIAL EN LA EDUCACIÓN LA FAMILIA, PUNTO ESENCIAL EN LA EDUCACIÓN María Podereux (Madrid) Qué tipo de desafío experimentamos en la tarea de ayudar y acompañar a los chicos en sus problemas escolares. Porque la educación tiene

Más detalles

Máster Executive en Italiano Profesional (Nivel Oficial Consejo Europeo C1) (Online)

Máster Executive en Italiano Profesional (Nivel Oficial Consejo Europeo C1) (Online) Máster Executive en Italiano Profesional (Nivel Oficial Consejo Europeo C1) (Online) Titulación certificada por EUROINNOVA BUSINESS SCHOOL Máster Executive en Italiano Profesional (Nivel Oficial Consejo

Más detalles

CURRICULUM VITAE FORMAZIONE ACCADEMICA CORSI POSTUNIVERSITARI

CURRICULUM VITAE FORMAZIONE ACCADEMICA CORSI POSTUNIVERSITARI CURRICULUM VITAE COGNOME: Gatti NOME: Giuseppe LUOGO E DATA DI NASCITA: Roma, 10 Settembre 1970 E MAIL: g.gatti@uninettunouniversity.net Membro dell AISI, Associazione Italiana di Studi Iberoamericani.

Más detalles

LE COSTITUZIONI DEGLI ALTRI Banca documenti del Consiglio regionale del Veneto. a cura della Direzione regionale rapporti e attività istituzionali

LE COSTITUZIONI DEGLI ALTRI Banca documenti del Consiglio regionale del Veneto. a cura della Direzione regionale rapporti e attività istituzionali Banca documenti del Consiglio regionale del Veneto a cura della Direzione regionale rapporti e attività istituzionali drai@consiglio.regione.veneto.it CONSTITUCIÓN NACIONAL ARGENTINA COSTITUZIONE NAZIONALE

Más detalles

LINGUA SPAGNOLA A. MARRAS

LINGUA SPAGNOLA A. MARRAS LINGUA SPAGNOLA A. MARRAS anna.marras@uniroma1.it http://elearning.uniroma1.it (iscrizione obbligatoria alla piattaforma moodle 1 per elearning- richiedere password alla docente) A.A. 2013/2014 FACOLTA

Más detalles

República Italiana. - Señor...nacido en...el...de...de..., domiciliado. en...en lacalle...n...c.f... profesión...; en...en la Calle...n... C.F...

República Italiana. - Señor...nacido en...el...de...de..., domiciliado. en...en lacalle...n...c.f... profesión...; en...en la Calle...n... C.F... Derecho societario Acta de constitución de sociedad regular colectiva República Italiana El año... el día... del mes de... ante mi Dr.... Notario en..., colegiado en el Colegio notarial de...sin asistencia

Más detalles

TECHNICAL MANUALE TECNICO MANUAL TÉCNICO MANUAL 080209 ED 5IS

TECHNICAL MANUALE TECNICO MANUAL TÉCNICO MANUAL 080209 ED 5IS IT MANUALE TECNICO EN TECHNICAL MANUAL ES MANUAL TÉCNICO 080209 ED 5IS ED 5IS DIGITAL TBD 5I-40 IN + 24V SN CS SCEN 5 CS SCEN 4 CS SCEN 3 CS SCEN 2 CS SCEN 1 G V B I5 I4 I3 I2 I1 V OUT 24 V verde ( bus

Más detalles

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Accorpamento 8 (A445 - A446) - Spagnolo

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Accorpamento 8 (A445 - A446) - Spagnolo ACCORPAMENTO 8 (A445 - A446) - SPAGNOLO Anno Accademico 2014/2015 1. Completar: Mira, si Pedro ahora con nosotras, nos moriríamos de risa. A) estuviera B) fuera C) estaría D) sería 2. Si alguien se da

Más detalles

MANUAL DE NORMAS Y PROCEDIMIENTOS PARA SOLICITUD DE VISA ANTE EL CONSULADO GENERAL DE LA REPÚBLICA BOLIVARIANA DE VENEZUELA EN MILÁN

MANUAL DE NORMAS Y PROCEDIMIENTOS PARA SOLICITUD DE VISA ANTE EL CONSULADO GENERAL DE LA REPÚBLICA BOLIVARIANA DE VENEZUELA EN MILÁN MANUAL DE NORMAS Y PROCEDIMIENTOS PARA SOLICITUD DE VISA ANTE EL CONSULADO GENERAL DE LA REPÚBLICA BOLIVARIANA DE VENEZUELA EN MILÁN OCTUBRE 2013 PLANILLA ÚNICA DE SOLICITUD DE VISA APELLIDOS 1 NOMBRES

Más detalles

COPAGO DE 10 EUROS POR CONSULTA EN ITALIA DESDE ENERO

COPAGO DE 10 EUROS POR CONSULTA EN ITALIA DESDE ENERO Algunas personas nunca aprenderan nada por la sencilla razón de que lo entienden todo demasiado pronto (Alexander Pope) JUEVES, 07-07-2011 Edita: SANIFAX, S.L. Pso. San Francisco de Sales, 41 28003 Madrid

Más detalles

AUXILIARES DE CONVERSACIÓN EN ITALIA

AUXILIARES DE CONVERSACIÓN EN ITALIA Ministerio de Educación, Cultura y Deporte AUXILIARES DE CONVERSACIÓN EN ITALIA GUÍA PRÁCTICA CONSEJERÍA DE EDUCACIÓN EN ITALIA 1 Sumario Bienvenido a Italia 3 I. Preparación para incorporarse al programa

Más detalles

SIKO Eseguiamo retrofit! Hacemos readaptaciones!

SIKO Eseguiamo retrofit! Hacemos readaptaciones! Sector Technology Machine upgrade / Retrofit SIKO Eseguiamo retrofit! Hacemos readaptaciones! La soluzione di sistema per un efficiente posizionamento dell asse e del mandrino L ETC5000 è l unità di comando

Más detalles

Rectificadoras cilíndricas verticales Rettifiche cilindriche verticali RTV CNC SERIES. Grinding solutions since 1952

Rectificadoras cilíndricas verticales Rettifiche cilindriche verticali RTV CNC SERIES. Grinding solutions since 1952 Rectificadoras cilíndricas verticales Rettifiche cilindriche verticali RTV CNC SERIES Grinding solutions since 1952 Los elementos principales de nuestras rectificadoras cilíndricas verticales GER RTV CNC

Más detalles

Reflexión breve sobre la pobreza y desigualdad en Latino América

Reflexión breve sobre la pobreza y desigualdad en Latino América M. Benites; F. Viola; G. Savagnone; C. Regúnaga; A. Preusche; S. Zamagni; L. Videla; R. Corcuera; J.M. Serrano EPISTEMOLOGÍA DE LAS CIENCIAS SOCIALES La Doctrina Social de la Iglesia en el nuevo milenio

Más detalles

CONTRATO DE LOCACIÓN A USO HABITATIVO. (estipulado según el art. 2, inciso 1 de la Ley del 9 de dicembre 1998, n. 431) ENTRE

CONTRATO DE LOCACIÓN A USO HABITATIVO. (estipulado según el art. 2, inciso 1 de la Ley del 9 de dicembre 1998, n. 431) ENTRE CONTRATO DE LOCACIÓN A USO HABITATIVO. (estipulado según el art. 2, inciso 1 de la Ley del 9 de dicembre 1998, n. 431) ENTRE El Sr. /Sra nacido/nacida en el con domicilio de residencia en.,con número de

Más detalles

Escuela primaria: Pequeña guía para conocer la escuela y los servicios de la Municipalidad de Florencia

Escuela primaria: Pequeña guía para conocer la escuela y los servicios de la Municipalidad de Florencia Bienvenidos a Florencia! Benvenuti a Firenze! Escuela primaria: Pequeña guía para conocer la escuela y los servicios de la Municipalidad de Florencia Scuola primaria: piccola guida per conoscere la scuola

Más detalles

ETAPA E. Unidad E1. Ejercicio 1 p. 278

ETAPA E. Unidad E1. Ejercicio 1 p. 278 ETAPA E Unidad E1 Ejercicio 1 p. 278 1. tienes que / tendrás que [debes, deberías: matiz de consejo / deberás: obligativo] 2. Tienes que [Debes, deberías: matiz de consejo] 3. tienen que [deben de: posibilidad]

Más detalles

Introducción. 1. En la Constitución Italiana del 1948. 2. En el Código Civil del 1942. 3. En varias Leyes Especiales

Introducción. 1. En la Constitución Italiana del 1948. 2. En el Código Civil del 1942. 3. En varias Leyes Especiales Por su relevancia social y sus implicaciones en el ámbito de la vida cotidiana, el derecho laboral representa un rubro de particular atención en el sistema normativo italiano y se va desarrollando cada

Más detalles

GENERADORES DE NUEVA URBANIDAD: LOS ESPACIOS COMERCIALES GENERATORI DI URBANITÀ: I LUOGHI DEL COMMERCIO

GENERADORES DE NUEVA URBANIDAD: LOS ESPACIOS COMERCIALES GENERATORI DI URBANITÀ: I LUOGHI DEL COMMERCIO GENERADORES DE NUEVA URBANIDAD: LOS ESPACIOS COMERCIALES GENERATORI DI URBANITÀ: I LUOGHI DEL COMMERCIO Juan Luis de las Rivas Sanz y Corinna Morandi La actividad comercial está tan profundamente ligada

Más detalles

La prestación laboral teletrabajada reclama un encuadre tecnológico - jurídico amplio como regulación eficiente

La prestación laboral teletrabajada reclama un encuadre tecnológico - jurídico amplio como regulación eficiente La prestación laboral teletrabajada reclama un encuadre tecnológico - jurídico amplio como regulación eficiente Autora: Dra. Clara María Costamagna, Abogada Especialista en Derecho de Alta Tecnología (UCA

Más detalles

Paco Carreño Espinosa: Palabras de viaje. traduzione italiana di Andrea Ridolfi Testori: Parole in viaggio

Paco Carreño Espinosa: Palabras de viaje. traduzione italiana di Andrea Ridolfi Testori: Parole in viaggio Paco Carreño Espinosa: Palabras de viaje traduzione italiana di Andrea Ridolfi Testori: Parole in viaggio Un día iconoclasta Mil palabras para cada imagen que vale más de mil palabras. Mil palabras como

Más detalles

En los niveles más avanzados, los estudiantes aprenden a utilizar la terminología profesional de diferentes campos del mundo empresarial.

En los niveles más avanzados, los estudiantes aprenden a utilizar la terminología profesional de diferentes campos del mundo empresarial. Presentación Hoy en día, ya no se necesita justificar el estudio de un idioma y si tienes las bases del idioma italiano, es momento de continuar con el próximo nivel A2. Las empresas necesitan identificar

Más detalles

VIVIR EN ITALIA. EL ITALIANO PARA EL TRABAJO Y LA CIUDADANÍA CUARTO EDICIÓN 2014/2015

VIVIR EN ITALIA. EL ITALIANO PARA EL TRABAJO Y LA CIUDADANÍA CUARTO EDICIÓN 2014/2015 VIVIR EN ITALIA. EL ITALIANO PARA EL TRABAJO Y LA CIUDADANÍA CUARTO EDICIÓN 2014/2015 ES ENTES FINANCIEROS LÌDER Ministerio del Interior con fondos europeos FEI (Fondo europeo para la integración de los

Más detalles

Costituzione. della Repubblica Italiana. Testo completo tradotto in: ESPAÑOL (Spagnolo) Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi

Costituzione. della Repubblica Italiana. Testo completo tradotto in: ESPAÑOL (Spagnolo) Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi Progetto co-finanziato dall Unione Europea Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi Costituzione della Repubblica

Más detalles

PROGRAMACIÓN DEL CURSO INTERMEDIO 1 Curso 2015-16

PROGRAMACIÓN DEL CURSO INTERMEDIO 1 Curso 2015-16 PROGRAMACIÓN DEL CURSO INTERMEDIO 1 Curso 2015-16 ANEXO 4 ITALIANO INTERMEDIO 1 4. COMPETENCIAS Y CONTENIDOS 4.5. CONTENIDOS LINGÜÍSTICOS DE ITALIANO INTERMEDIO 1 4.5.1. CONTENIDOS GRAMATICALES (La división

Más detalles

Curriculum Vitae José Martínez Rubio

Curriculum Vitae José Martínez Rubio JOSÉ MARTÍNEZ RUBIO Lettore di scambio di Lingua e Letteratura Spagnola Alma Mater Studiorum - Università di Bologna Dipartimento di Lingue e Letterature Straniere Moderne Via Cartoleria, 5. Studio 80.

Más detalles